Luglio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra tra Israele e Gaza: il valico di frontiera di Rafah viene nuovamente chiuso dopo il passaggio del primo convoglio di 20 camion

La guerra tra Israele e Gaza: il valico di frontiera di Rafah viene nuovamente chiuso dopo il passaggio del primo convoglio di 20 camion

Secondo i media egiziani, gli aiuti alimentari e medici consegnati non includono il carburante, vitale per il funzionamento dei generatori elettrici nei territori palestinesi, popolati da circa 2,4 milioni di persone.

Il Programma Alimentare Mondiale con sede a Roma ha dichiarato in un comunicato che il convoglio transitato attraverso il valico di Rafah comprendeva:Tre camion carichi di 60 tonnellate di prodotti alimentari di emergenza per il Programma Alimentare Mondiale“.

Questi includono tonno in scatola, concentrato di pomodoro e fagioli, nonché farina di frumento e pasta.

Questo cibo è urgentemente necessario perché le condizioni nel sud di Gaza sono davvero catastroficheLo ha annunciato Cindy McCain, direttrice esecutiva del Programma alimentare mondiale, in un comunicato stampa.

Il Programma alimentare mondiale ha dichiarato di disporre di altre 930 tonnellate di cibo di emergenza al o vicino al confine di Rafah, pronte per essere portate nella Striscia di Gaza non appena sarà nuovamente consentito l’ingresso.

Queste azioni sono essenziali”.Per ricostituire le riserve in rapida diminuzione del programma“All’interno di questi territori palestinesi, essi sono sottoposti a continui bombardamenti da parte dell’esercito israeliano in risposta al sanguinoso attacco effettuato dal movimento islamico palestinese Hamas il 7 ottobre sul territorio israeliano.

Dall’inizio della guerra, circa 520.000 persone hanno ricevuto aiuti alimentari dal Programma alimentare mondiale, e l’agenzia sta espandendo le sue operazioni per aiutare 1,1 milioni di persone a Gaza nei prossimi due mesi.

Gli aiuti includono pane fresco consegnato quotidianamente alle persone che soggiornano nei rifugi delle Nazioni Unite e buoni che possono essere riscattati nei negozi di alimentari.