Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Brucia la spugna tra Inge e il Belgio: il gruppo francese pensa a un’azione legale

Partiamo dalle disposizioni sul nucleare. Ogni tre anni, la Commissione sui materiali nucleari (CPN) rivaluta quanto Engie dovrebbe stanziare, tramite le sue controllate Electrabel e Synatom, per lo smantellamento delle centrali elettriche e la gestione delle scorie nucleari. L’ultimo calcolo di CPN ha comportato un aumento di 2,9 miliardi di dollari dell’importo dovuto da Synatom.

“Engy ritiene eccessivi gli aumenti proposti dal CPN”, afferma il gruppo francese. società affiliata, Electrabel.Presenterà una proposta rivista per aprire le discussioni che dovrebbero essere completate entro la fine di marzo 2023 al più tardi”.. “Engie e le sue consociate valuteranno quindi l’opportunità di presentare ricorso al Tribunale dei Mercati, entro 30 giorni.continua il comunicato stampa.

E super profitti

Inoltre, Inge ha determinato il costo della futura tassa sui guadagni in eccesso in diversi paesi.

Il gruppo francese stima che queste misure avranno un impatto sul suo EBIT tra 0,7 e 0,9 miliardi di euro nel 2022 e tra 1,2 e 1,5 miliardi di euro nel 2023”.La maggior parte dell’aumento annuo riguarda le attività nucleari in Francia e in Belgio.imposta il gruppo francese.

Engie si riserva il diritto di impugnare imposte che ritenga non rispettino l’attuale quadro giuridico e comportino discriminazioni ingiustificate tra operatori o tecnologie, in particolare in Belgio e in Italia.La dichiarazione ha aggiunto.

Durante una teleconferenza con analisti finanziari, uno dei leader di Engie Group ha anche discusso dei negoziati con il Paese sull’estensione della vita utile di Doel 4 e Tihange 3. Se i progressi sono reali, ci sono ancora ostacoli da superare. Questo leader non può confermare se la scadenza del 31 dicembre sarà rispettata.

READ  Cercare un lavoro? Ecco i settori con più occupazione nel 2023