Febbraio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Breivik, l'”attentatore suicida”, intenta una causa contro lo Stato norvegese per protestare contro il suo isolamento

Breivik, l'”attentatore suicida”, intenta una causa contro lo Stato norvegese per protestare contro il suo isolamento

Nella prigione di Ringeriki, in riva al lago dove fa il bagno Utoya, Breivik dispone, su due piani, di diverse stanze che fungono da cucina, una sala TV con console di gioco – e una foto della Torre Eiffel – o anche una palestra attrezzata . Lo riferisce l'agenzia norvegese NTB.

Tuttavia, secondo NTB, le autorità carcerarie hanno messo lì anche tre pappagalli per esaudire il suo desiderio di avere un animale domestico.

Lo Stato, da parte sua, giustifica l'isolamento – relativo, insiste – di Breivik con la sua pericolosità e con la necessità di essere protetto dai pericoli che rappresenta per la società, per gli altri prigionieri e le guardie, ma anche per coloro che lo gravano.

Il sistema carcerario norvegese si è tradizionalmente concentrato molto sulla riabilitazione dei criminali.

“Vantaggi Brevik.”Una gamma di attività molto completa(cucina, giochi, passeggiate, basket, ecc.) eNon vi è alcuna indicazione che Breivik soffra di problemi fisici o mentali dovuti alle condizioni della sua prigionia“, afferma il procuratore distrettuale Andreas Hetland.

Breivik ha finora mostrato poca ricettività al lavoro di riabilitazione“E specifica anche.”È quindi difficile vedere quali miglioramenti significativi nelle condizioni di detenzione siano possibili e giustificati a breve termine.“.

Le precedenti apparizioni pubbliche di Breivik si sono generalmente tradotte in gesti o commenti provocatori (saluti di Hitler, striscioni militari, discorsi ideologici, ecc.) che hanno sofferto dolorosamente le famiglie delle vittime e dei sopravvissuti.

Molti sono stufi e cercano di allontanarsi da tuttoLo ha detto all'AFP Lisbeth Christine Roenland, capo del gruppo di sostegno per le famiglie delle vittime, che hanno perso la figlia 18enne Sine, a Utoya.

READ  Valérie Pécresse relance son appel aux dons : "La démocratie a un coût"

Ovviamente, le persone lo considerano un peso perché rinfresca i loro ricordi“, ha spiegato un’altra leader del gruppo, Merite Stamenshagen, la cui figlia Silje è morta sull’isola.Non avremo mai una pace completa e duratura“.

Il tribunale di Oslo ha impedito la trasmissione della testimonianza di Breivik prevista per martedì pomeriggio.

Esiste il rischio reale che il certificato di Breivik venga utilizzato in modo improprio […] Per concentrarsi sul suo messaggio ideologicoha detto il giudice Birgitte Colrud.