Novembre 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: Zelensky assicura che il suo esercito conquisterà altre città del Donbass entro una settimana

Dopo che l’esercito russo si è ritirato da Lyman, il presidente ucraino ha confermato che le forze di Kiev riprenderanno diverse città del Donbass “nella prossima settimana”.

“Hanno già iniziato ad attaccarsi a vicenda: stanno cercando i colpevoli, accusando i generali di fallimento…”, ha dichiarato Zelensky, parlando a nome di funzionari del governo russo. “Questo è il primo segnale di avvertimento che dovrebbe essere ascoltato a tutti i livelli del governo russo”.

Poi, parlando del presidente russo Vladimir Putin, ha detto: “Finché non risolvete tutti il ​​problema di chi ha iniziato tutto, di chi ha iniziato questa assurda guerra contro l’Ucraina, sarete uccisi uno ad uno, diventando un capro espiatorio, perché non ammettete it. Questa guerra è un errore storico per la Russia.

Sabato l’esercito ucraino è entrato a Lyman, città strategica nell’Ucraina orientale, nella regione di Donetsk, la cui annessione è stata fortemente condannata da Kiev e il giorno prima dagli occidentali da Mosca. Kiev ha condannato anche l'”arresto illegale” del capo della centrale nucleare di Zaporizhia (sud), Igor Murashov, arrestato dalla Russia, che controlla il sito, per un motivo che rimane sconosciuto venerdì.

“Alziamo la nostra bandiera nazionale”

L’annuncio è arrivato a metà pomeriggio: “Le forze d’assalto aeree ucraine entrano a Lyman, nella regione di Donetsk”, ha affermato su Twitter il ministero della Difesa ucraino.

In un video di un minuto che accompagna il messaggio, si vedono due soldati ucraini sventolare e poi appendere la bandiera nazionale azzurra e gialla accanto al cartello “Liman” all’ingresso della città. Alziamo la nostra bandiera nazionale e la posizioniamo sulle nostre terre. “Lyman farà sempre parte dell’Ucraina”, dice uno dei soldati con un sorriso. Sabato scorso, l’esercito ucraino ha affermato di aver “assediato” diverse migliaia di soldati russi in questa città nella regione di Donetsk, che la Russia ha annesso venerdì.

READ  Guerre en Ucraina : l'avancée russe vers Kiev est "au point mort" selon le Pentagone

Secondo un portavoce, “circa 5.000-5.500 russi” si sono rintanati a Lyman e nei dintorni negli ultimi giorni. La cattura completa di Lyman sarebbe una vittoria importante per il Kev, con la conquista di questo importante nodo ferroviario nella regione di Donetsk, che la Russia ha annesso venerdì.

In risposta al ritiro russo dalla città, il leader della repubblica russa di Cecenia, Ramzan Kadyrov, ha denunciato il “nepotismo” prevalente nell’esercito russo e ha invitato Mosca a utilizzare “armi nucleari a basso rendimento” in Ucraina, senza prendere “il resoconto della società dell’America occidentale”.

Ucraina, candidato NATO

In seguito all’annessione di quattro regioni ucraine da parte di Mosca, Kiev ha annunciato di aver intentato una causa presso la Corte internazionale di giustizia, “esortando la corte a esaminare il caso il prima possibile”. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha anche annunciato che avrebbe “firmato la candidatura dell’Ucraina per l’adesione accelerata alla NATO”, una decisione sostenuta da Stati Uniti e Canada.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha dichiarato: “Sosteniamo fortemente l’adesione dei paesi che desiderano aderire alla NATO e che possono beneficiare delle loro capacità nella NATO”, rilevando il “processo da seguire” per l’adesione dei paesi candidati.

Venerdì sera, il presidente russo Vladimir Putin ha concluso una giornata di celebrazioni per l’annessione delle terre ucraine. “La vittoria sarà nostra”, ha detto, microfono in mano, davanti a diverse migliaia di persone che si erano radunate per un concerto festivo sulla Piazza Rossa a Mosca.

READ  Il medico trova un poster di una campagna di vaccinazione forzata risalente al 1905: "Il tono non era quello di oggi"

“annessione illegale”

Venerdì, i leader dei paesi dell’Unione europea hanno rilasciato una dichiarazione in cui “rifiutano” e “condannano” “l’annessione illegale” di quattro regioni ucraine.

La Nato ha denunciato l’annessione “illegale”, mentre il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a New York ha preso in considerazione una risoluzione di condanna della “falsa annessione” dell’Ucraina, che è stata subito bloccata dal veto russo.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha giurato che gli Stati Uniti ei loro alleati non saranno “intimidati” da Putin.