Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Boris Johnson accetta la sua lettera a Macron sul passaggio dei migranti nel canale

Alla domanda se si fosse pentito di questa lettera in cui chiedeva ai francesi di restituire i migranti che hanno attraversato illegalmente il canale, dopo un fatale naufragio, il portavoce ha risposto: “No, come gli ha detto il presidente del Consiglio. Lui stesso, lui e il presidente Macron hanno riconosciuto l’urgenza della situazione». Secondo lui, il messaggio pubblicato su Twitter mira ad “approfondire la nostra attuale cooperazione” nella lotta all’immigrazione clandestina.

A seguito della pubblicazione di questo messaggio, Parigi ha deciso di cancellare la visita del ministro degli Interni britannico Priti Patel all’incontro previsto per domenica con gli altri Paesi europei sul tema dei migranti.

Londra ha invitato i francesi a revocare questa decisione.

“Vogliamo lavorare a stretto contatto con i partner internazionali, compresa ovviamente la Francia, su un problema comune, in modo da poter trovare soluzioni comuni”, ha affermato la portavoce.

Ha sottolineato che si tratta di “una sfida globale alla quale dobbiamo rispondere collettivamente, con i francesi e altri nostri partner europei”, ritenendo che fosse necessario “fare di più”.

L’attraversamento della Manica da parte di migranti che sognano l’Inghilterra è un argomento regolare di tensione tra Parigi e Londra e le autorità britanniche hanno ritenuto insufficienti gli sforzi della parte francese per impedire loro di salire sull’aereo nonostante il pagamento di aiuti finanziari.

Il clima è diventato più teso dopo che mercoledì una barca è affondata in questa affollata corsia di mare, uccidendo 27 migranti.

Alla domanda sulla lettera, venerdì è stato detto che Emmanuel Macron è stato “sorpreso” dalle tattiche “non serie” di Boris Johnson. “Non comunichiamo da un leader all’altro su questi temi con i tweet e i messaggi che annunciamo, non siamo informatori”, ha detto in una dichiarazione in una conferenza stampa a Roma dopo aver firmato un trattato con l’Italia.

READ  Biden rifiuta di chiamare la Russia uno "stato sponsor del terrore": "Potrebbe minare la nostra capacità di sostenere l'Ucraina"