Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bonus di fine anno, buoni pasto e spese di viaggio cancellati: come farà Schaerbeek CPAS a colmare il gap di 20 milioni di euro?

Bonus di fine anno, buoni pasto e spese di viaggio cancellati: come farà Schaerbeek CPAS a colmare il gap di 20 milioni di euro?

Dobbiamo trovare più di 20 milioni di euro! Questa è la dimensione del baratro finanziario che Schaerbeek CPAS ha dovuto affrontare da allora Lo scorso maggio è stato scoperto un errore in una registrazione contabile. Si tratta di un deficit inaspettato ed estremamente grave, e il processo di salvataggio sarà oggetto di un piano triennale che prevede risparmi significativi a tutti i livelli.

Le discussioni sono in corso. Ma sono i sindacati che si organizzano L’Assemblea Generale come fronte comune Il 28 novembre teme azioni che potrebbero causare danni significativi, soprattutto tra i dipendenti che contano più di mille lavoratori.

Non sostituire i dipendenti

Di quali misure parlano i sindacati? Annullare il pagamento del bonus di fine anno, ridurre il valore nominale dei buoni pasto (da 8 a 4,10 euro) o addirittura cancellarli del tutto, non sostituire i dipendenti in partenza o addirittura annullare le spese di viaggio Gli assistenti sociali vengono retribuiti durante il loro incarico professionale. ..

Oggi, ufficialmente, non è stato deciso nulla, come conferma la presidenza del CPAS a Schaerbeek. “Ma non siamo sciocchi“, risponde Benoît Lambot, segretario regionale dei servizi pubblici della CSC. “Schaerbeek non è un comune ricco e CPAS lo è ancora meno. La maggior parte del suo budget è costituita dai costi del personale. Se non riusciamo a toccare gli stipendi, la mia lunga esperienza mi dice che rischiamo di incidere su altri ambiti.

Anche Benoît Lambot se ne rende conto: oggi non è ancora stato deciso nulla. “Ma vogliamo anticipare le cose, spiegare le nostre preoccupazioni al personale e stabilire limiti non negoziabili durante le discussioni con la direzione del CPAS…

Non spetta ai dipendenti pagare il conto

Le trattative dovrebbero concludersi all’inizio del 2024. Ma per Benoit Lambot il futuro del personale CPAS a Schaerbeek appare cupo. “Da mesi diciamo che i servizi sociali sono soffocati e sovraccarichi… Le tre crisi successive (Covid, Ucraina, energia) hanno dimostrato che le squadre vanno rafforzate, non indebolite. Pertanto, se si pone il problema di non sostituire la partenza, sovraccaricheremo nuovamente la barca con il personale rimanente.

READ  I tre motivi per cui il prezzo del Bitcoin potrebbe continuare a salire

Il fronte comune CSC-SLFP-CGSP non ha ancora menzionato misure di attuazione come l’interruzione del lavoro o addirittura lo sciopero generale. “Ma vogliamo dare un segnale chiaro: i dipendenti, sia del CPAS che del Comune, non hanno il diritto di pagare il conto dopo questi errori contabili.

Sostenibilità dell’occupazione

Per il presidente del CPAS Sophie Question (Burgmaster List – Liberale), “Sul piano triennale 2024, 2025 e 2026 sono in corso colloqui con la Consulta dell’Azione Sociale e anche con il Comune per vedere quali misure di risparmio si possano adottare per ridurre il deficit di 20 milioni di euro derivante da errori contabili.

Oggi è troppo presto, dice il presidente, per annunciare misure restrittive. “Quello che posso assicurarvi è che stiamo lavorando alle migliori soluzioni per garantire la nostra missione legale e mantenere il più possibile l’occupazione, in particolare i lavoratori in prima linea, gli assistenti sociali e gli assistenti amministrativi.

Come abbiamo detto, il CPAS di Schaerbeek impiega circa un migliaio di persone, comprese quelle legate alle case di riposo e di cura. Il centro gestisce attualmente più di 9.000 pratiche di assistenza sociale.