Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Avventura umana: tre dipendenti acquistano la loro azienda manifatturiera di 25 persone a Bates

Avventura umana: tre dipendenti acquistano la loro azienda manifatturiera di 25 persone a Bates

È una grande avventura umana. Alla Bates, tre dipendenti hanno deciso di acquistare la loro azienda. Ventfield esiste da oltre 40 anni. È specializzata in tubazioni, saldatura ed elettricità industriale. Inizialmente si è sviluppata nel settore siderurgico. Oggi l'attività si è diversificata ed opera anche nel settore alimentare e farmaceutico. Nuovi azionisti che hanno acquistato un'azienda dove lavoravano da anni. L'aspetto umanitario e sociale rimane importante alla base del progetto industriale dell'azienda.

Ce la caviamo con il nostro spirito tecnico

Thomas Brochard è un elettromeccanico di formazione. Lavora con Westfield da quasi dieci anni. Oggi è amministratore e azionista di maggioranza della sua azienda. “È ovviamente un rischio perché ci sono ancora molti soldi. È una grande azienda e volevamo che continuasse. Inoltre non volevamo che i finanziatori ci rilevassero. Quindi siamo tecnici e gestiamo tutto con la nostra etica tecnica. “

L'obiettivo è anche lavorare con gli amici

Anche sul piano commerciale la RAF ha scelto di diventare azionista: “Ho lavorato in grandi gruppi. Prima tutti erano visti come numeri. Qui c'era una politica a breve termine. Sono arrivato e ho subito scoperto che anche l'azienda ha un grande cuore per tutti i dipendenti. L'atmosfera qui è fantastica. Io ha detto: Per quanto mi riguarda, non voglio mai tornare alle grandi aziende. “Lo conosco da moltissimo tempo. – ricorda Thomas Brochard – Abbiamo lavorato insieme anche come fornitori. “L'obiettivo è lavorare qui come amici.” Il terzo azionista dipendente è Aubin Renard. Lo spiega questo designer industriale esperto “Per molto tempo abbiamo considerato l’azienda un po’ come la nostra, anche se non è proprio così…”