Campania Cultura e Spettacolo Giffoni Film Festival

Arriva Amy Adams ed il Giffoni Experience s’incanta

Amy Adams ha conquistato la giuria di Giffoni Film Festival con piccoli-grandi gesti, come le mani chiuse a forma di cuore, ed è riuscita nell’incredibile missione di ammutolire la sala, tutta concentrata in un silenzio estatico.

Ad una ragazza che le ha chiesto un consiglio per affrontare il mondo dello spettacolo ha risposto: “Non sono mai stata una brava a fare i provini, ma ho capito che non bisogna mai prenderla sul personale né rimuginarci sopra, ma voltare pagina, ricominciare da zero senza smettere mai di studiare e di crederci. E ve lo dice una che da giovane era timida… anzi che lo è tuttora”.

Mentre prova a continuare a rispondere si emoziona e, con gli occhi lucidi, aggiunge: “Scusate, in prima fila c’è mia figlia e sta provando a farmi ridere a tutti i costi. Per inciso, l’ho chiamata Aviana in onore al vostro splendido paese dove sono nata e dove tuttora mi sento a casa. Qui la gente ti apre le porte della sua abitazione e t’invita a cena anche se ti conosce appena e tu non ti senti a disagio ad accettare. Ecco perché non vedevo l’ora di venire a Giffoni e di ritornare prestissimo”.

Un giurato le ha chiesto con quale criterio sceglie i ruoli: “Ora che sto invecchiando è importante per me scegliere storie che possano aiutare la gente, qualcosa che lasci il segno”.  Tra i ruoli che l’hanno toccata di più un posto di primo piano lo riserva all’ultimo lavoro, Arrival, dove parla con gli alieni da esperta semiologa e un ragazzo in sala l’ha ringraziata perché questo film l’ha invogliato a scegliere questa professione. E lei, ha detto ricevendo il Giffoni Experience Award, non potrebbe esserne più orgogliosa.

“Il messaggio di questo lavoro – ha spiegato poi aggiunto – è la promozione del senso di unità tra i popoli in un periodo in cui non si fa che parlare di guerra. Lo so, sono un’idealista ma davvero spero ci si renda spesso conto che i conflitti non ci stanno portando da nessuna parte e che dobbiamo trovare un modo di comunicare. Lo dico per voi, per le nuove generazioni che si affacciano alla vita e vedervi qui a Giffoni, tutti insieme, mi sembra un ottimo primo passo in questa direzione, in voi ripongo tutte le mie speranze”.

E, a proposito di desideri e sogni per il futuro, almeno uno lo vorrebbe realizzare, anzi due: “Mi piacerebbe cimentarmi nuovamente in un musical e vorrei lavorare ancora con Patty Jenkins (regista dell’acclamato Wonder Woman con Gal Gadot, ndr.), una delle prime registe con cui ho collaborato nella mia carriera, una donna di grandissimo talento”. Il legame con i mondi di supereroi non le mancano di certo, visto che a fine anno tornerà nei panni della reporter Lois Lane accanto al suo Superman/Henry Cavill in Justice League, la summa di tutti i personaggi DC Comics più famosi, Batman incluso

Scopri l'Autore

Antonio Ioele

Antonio Ioele

10 anni, tra Italia ed estero, tra radio, tv, carta stampata e web. Da febbraio 2017 sono il delegato dello "Studio Associato laRed" (P.IVA 05569100653), proprietario della testata giornalistica laRedazione.eu.

Il portale www.laredazione.eu è fisicamente alloggiato presso i server di Aruba S.p.A.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi