Maggio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ariane 2: Il lancio della sonda Giove è stato ritardato a causa del maltempo

Ariane 2: Il lancio della sonda Giove è stato ritardato a causa del maltempo

Il decollo era previsto per le 12:45 GMT. Il rinvio è stato annunciato pochi minuti dopo il conteggio finale, dalla sala di controllo di Giove dove erano stati invitati diversi dignitari, tra cui il re Filippo dei belgi, gli astronauti francesi Thomas Pesquet e il tedesco Matthias Maurer.

Pochi minuti fa “si è avvicinata una grande massa nuvolosa e ci siamo messi su rosso + meteo, perché non siamo mai riusciti a procedere con il lancio a causa del rischio di fulmini”, spiega ad AFP Stefan Israel, presidente. da Arianespace.

Ha continuato: “Per il decollo, abbiamo bisogno di tre parametri per essere verdi: preparazione del lanciatore, disponibilità del lander e tempo che è l’ultima emozione”. Se i previsti venti relativamente forti saranno annunciati nel verde per venerdì, “dovremo continuare a monitorare il rischio di fulmini fino all’ultimo minuto”.

Il prossimo tentativo è previsto per la stessa ora di venerdì, ma con 30 secondi di anticipo. A differenza dei lanci convenzionali che hanno un certo margine di decollo, la finestra di lancio della sonda Juice è vicina a 1 secondo, a causa della specifica orbita del bersaglio.

Una rappresentazione schematica della sonda Juice (Jupiter’s Icy Moons Explorer) dell’Agenzia spaziale europea, che dovrebbe essere lanciata a bordo di un razzo Ariane 5 il 13 aprile 2023 a Kourou, nella Guyana francese © Afp

Secondo il programma di volo, la sonda da sei tonnellate si separerà dal razzo 27 minuti dopo il decollo, a un’altitudine di circa 1.500 km.

Questo sarà quindi l’inizio di un viaggio di otto anni per Juice (Jupiter Icy Moons Explorer), la missione principale dell’Agenzia spaziale europea (ESA).

La sonda deve partire per esplorare Giove e le sue lune ghiacciate, alla ricerca di ambienti abitabili per forme di vita extraterrestre. Non raggiungerà la sua destinazione fino al 2031, a più di 620 milioni di chilometri dalla Terra, dopo un viaggio movimentato.

Europa, Ganimede, Callisto

Incapace di raggiungere direttamente Giove, la macchina dovrà passare attraverso complesse manovre di assistenza gravitazionale che consistono nell’usare l’attrazione gravitazionale di altri pianeti per guadagnare velocità.

Sorvolando prima la Terra-Luna, poi Venere (2025), poi di nuovo la Terra (2029), prima di prendere il suo slancio verso il mastodonte del sistema solare e la sua luna più grande, scoperta da Galileo 400 anni fa: la vulcanica Io e le tre gelide compagne Europa, Ganimede e Callisto.

La missione principale di Juice è trovare ambienti adatti alla vita per emergere. Se Giove, un pianeta gassoso, è inabitabile, allora le sue lune Europa e Ganimede sono candidati ideali: sotto la loro superficie ghiacciata, ospitano oceani di acqua liquida. Solo l’acqua liquida rende possibile la vita.

La sonda spaziale Juice presso la sede dell’ESA a Tolosa il 20 gennaio 2023

© AFP / Archivi

Il succo prende di mira Ganimede. Nel 2034 sarà posto in orbita attorno a questo satellite naturale, che è il più grande del sistema solare e l’unico con un campo magnetico che lo protegga dalle radiazioni.

La sfida della missione è scoprire la composizione dei suoi dintorni, per vedere se lì potrebbe svilupparsi un ecosistema.

“È la sonda più complessa mai inviata su Giove”, ha dichiarato Philippe Baptiste, capo del Centro nazionale per gli studi spaziali (CNES). Progettato da Airbus, Juice trasporta dieci strumenti scientifici (fotocamera ottica, spettroradiometro per immagini, radar, altimetro, magnetometro, ecc.).

È inoltre dotato di enormi pannelli solari da 85 metri quadrati (delle dimensioni di un campo da basket) per risparmiare energia in un ambiente in cui la luce solare è 25 volte più debole della superficie terrestre.

Il lancio di Juice, del costo di 1,6 miliardi di euro, arriva nel bel mezzo di una crisi di lancio per l’Europa, che è quasi priva di accesso indipendente allo spazio a seguito della partenza dei razzi russi Soyuz da Kuru, dei ritardi cumulativi di Ariane 6 e del fallimento del primo volo commerciale del Vega C.

Questo è il penultimo volo del razzo Ariane 5, prima dell’arrivo previsto dell’Ariane 6 alla fine del 2023.

READ  Una decorazione classica per i ricordi digitali