Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli astronomi sono stati abbagliati dal lampo di luce spaziale più brillante mai osservato

Un’immagine fornita dalla NASA il 14 ottobre 2022 che mostra la luce rimanente da un bagliore di raggi gamma GBR221009A, un’ora dopo che è stato rilevato.

Gli astronomi hanno notato che il lampo di luce più luminoso di sempre, emesso a una distanza di 2,4 miliardi di anni luce dalla Terra, è stato probabilmente causato dalla nascita di un buco nero.

L’esplosione di raggi gamma, la forma più intensa di radiazione elettromagnetica, è stata osservata per la prima volta dai telescopi in orbita terrestre il 9 ottobre. La sua luce residua è ancora oggetto di studio da parte di scienziati di tutto il mondo.

Gli scienziati stimano che queste esplosioni, della durata di diversi minuti, siano causate dalla morte di stelle giganti, più di 30 volte più grandi del Sole, ha spiegato all’AFP l’astrofisico Brendan O’Connor.

La stella esplode e si trasforma in una supernova, prima di collassare su se stessa e formare un buco nero. La materia quindi forma un disco attorno al buco nero, dove viene assorbita e rilasciata come energia che viaggia al 99,99% della velocità della luce.

Il flash ha rilasciato fotoni che trasportano 18 teraelettronvolt (il 18° seguito da 12 zeri) – un record – e ha influenzato le comunicazioni a onde lunghe nell’atmosfera terrestre.

“Questo batte i record, sia nella quantità di fotoni che nell’energia dei fotoni che ci raggiungono”, ha affermato Brendan O’Connor, che venerdì ha fornito nuove osservazioni del fenomeno utilizzando gli strumenti a infrarossi del telescopio Gemini Southern Observatory. , Cile.

“Questa cosa brillante, questa vicinanza, è davvero un evento che capita una volta ogni secolo”, ha aggiunto l’astrofisico.

READ  Offerta di lavoro per Sviluppatore Unity - Rennes (35)

Ha spiegato: “I raggi gamma generalmente rilasciano in pochi secondi la stessa quantità di energia che il nostro Sole ha prodotto o produrrà nel corso della sua vita – e questo evento è il bagliore di raggi gamma più luminoso di sempre…”.

Il bagliore, chiamato GRB221009A, è stato osservato domenica mattina (East Coast Time) da molti telescopi, tra cui diversi della NASA.

Notando la “corsa di adrenalina” quando si verificano questi tipi di eventi, Brendan O’Connor, affiliato all’Università del Maryland e alla George Washington University, continuerà a sorvegliare i cieli nelle prossime settimane. Alla ricerca dei segni caratteristici delle supernove per confermare le loro ipotesi sull’origine del lampo.