Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Anche in numero limitato possono causare gravi danni”: Olaf Scholz è riluttante a inviare missili Taurus

“Anche in numero limitato possono causare gravi danni”: Olaf Scholz è riluttante a inviare missili Taurus

Oggi gli stessi dibattiti infiammano la classe politica, questa volta sul sistema missilistico Taurus, che ha una gittata fino a 500 chilometri. Kiev lo richiede dal maggio 2023 per colpire le forze russe al di fuori dell’attuale linea del fronte. Tuttavia, come nel caso dei Panthers, Olaf Schulz fa da ostacolo e si ritrova in minoranza all’interno della sua coalizione. In effetti, alcuni deputati socialdemocratici sono favorevoli a tale passaggio, così come tutti i partner ambientalisti e liberali, nonché il principale partito di opposizione, l'Unione Cristiano-Democratica.

Tra Varsavia e Berlino, il cappuccio della disputa: “Il governo polacco sta lavorando per dare un carattere morale ed emotivo al dibattito”.

Speculazioni sul suo rifiuto

Giovedì 22 febbraio, con una serie di colloqui al Bundestag, la pressione su Olaf Scholz è aumentata. I cristiano-democratici hanno presentato una mozione in cui si chiede, tra l'altro, la rapida consegna di questi mezzi a Kiev. “Cosa c'è che non va nel Toro?ha chiesto il deputato della CDU Johan Wadevoll, in bicicletta. “Ancora non sappiamo perché questo sistema non si carica. L’opinione pubblica in Ucraina e Germania ha il diritto di sapere. Aspettiamo la risposta del Cancelliere! Egli ha detto.

Olaf Schulz e il suo portavoce infatti evitano di spiegare alle autorità ucraine i motivi della mancata risposta. Sottolineano invece che stanno già facendo molto per l'Ucraina, con 28 miliardi di euro stanziati negli ultimi due anni. “La Germania è il secondo maggiore contribuente militare dopo gli Stati Uniti”.Il Cancelliere osserva costantemente, invitando i suoi vicini europei a impegnarsi maggiormente. Pertanto, ci sono molte speculazioni sulla sua opposizione al Toro.

READ  Un giovane di Molenbeek “si è sentito male per diversi giorni”: i vigili del fuoco hanno scoperto la causa nel suo appartamento

Guerra in Ucraina: “I carri armati americani Abrams consegnati all'Ucraina bruceranno”

Olaf Schulz potrebbe temere che questi missili raggiungano il territorio russo e trascinino indirettamente la Germania nella guerra. Un argomento che non regge contro Mary Agnes Strack Zimmerman. Questo partito liberale eletto (FDP), membro della coalizione di governo, ieri si è fatto beffe del Cancelliere accettando la proposta avanzata dall'opposizione, ma alla fine respingendola.

“Game changer” o arma principale?

La mancanza di comunicazione e l'ostinazione di Olaf Scholz, che prende la decisione finale sulla consegna delle armi, fanno arrabbiare molti rappresentanti eletti della maggioranza. In una proposta più consensuale, giovedì la maggioranza parlamentare ha invitato il governo a fare tutto il possibile per sostenere l’Ucraina. Se il termine Toro non appare, il testo menziona “ulteriori sistemi d'arma espansi”. Questa dicitura misteriosa significa mandare il Toro? Ognuno ha la propria interpretazione. “Una cosa è chiara” La stimata socialdemocratica ha eletto Gabriella Heinrich. “Non abbiamo una linea rossa e a questo punto il Cancelliere non ha detto no a Thors. È anche sbagliato pensare che un sistema d'arma possa cambiare la situazione in Ucraina. Ha detto davanti ai suoi colleghi parlamentari.

“Game changer” o meno, il Toro può comunque svolgere un ruolo importante secondo molti esperti. “Anche un numero limitato di missili Taurus potrebbe causare gravi danni alle vitali infrastrutture militari e logistiche della Russia situate al di fuori della linea del fronte. Ciò la costringerà a modificare il suo intero sistema militare”. Lo pensa Andras Racz, dell'Associazione tedesca per la politica estera (DGAP). Questo è anche ciò che ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj lo scorso fine settimana alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco.

READ  Mestdagh è diventato Intermarché: qui puoi trovare i nuovi punti vendita in Vallonia e Bruxelles