Aprile 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Anche Europol si trova ad affrontare un mistero di polizia dovuto alla scomparsa di documenti sensibili

Anche Europol si trova ad affrontare un mistero di polizia dovuto alla scomparsa di documenti sensibili

Questi documenti, che contengono informazioni personali degli alti funzionari dell'agenzia – il direttore esecutivo Catherine de Paul e tre dei suoi vicedirettori, Jürgen Ebner, Andre Linnetta e Jean-Philippe Lecove – erano conservati all'interno di una cassaforte situata in una stanza protetta e il codice era conosciuto solo da pochi individui. Ma quasi sette mesi dopo che l'agenzia è venuta a conoscenza dell'assenza di questi file, l'identità del responsabile non è stata ancora stabilita… Nel frattempo, Massimiliano Bettin, responsabile delle risorse umane dell'agenzia, è stato sospeso dal suo incarico. Le informazioni contenute in questi documenti sono tradizionalmente archiviate dal relativo management.

Europol lancia un appello per raccogliere testimoni su uno dei francesi più ricercati in Europa: “Sa maneggiare le armi e vive con pochissime risorse”

Il mistero rimane

L'Europol lo ha confermato e ha affermato che prende la cosa sul serio. Ma sembra che l'agenzia non sappia esattamente come siano stati estratti questi file, quando e per quale motivo. secondo POLITICOParte dei documenti sono stati ritrovati quando un cittadino li ha consegnati alla stazione di polizia, dopo averli trovati abbandonati in un luogo pubblico all'Aia…

Questa divulgazione potrebbe danneggiare l’immagine di questa istituzione, che svolge un ruolo importante nella cooperazione tra gli Stati membri per combattere la criminalità. Il suo scopo è facilitare la comunicazione tra le forze di polizia nazionali per indagare sulle reti criminali (traffico di droga, tratta di esseri umani, terrorismo, crimini contro i minori, ecc.). All'inizio di marzo, Europol ha annunciato che 57 uomini erano stati arrestati per possesso di immagini di violenza contro i bambini, nel corso di una campagna organizzata dall'ufficio europeo lo scorso autunno. Hanno partecipato 27 paesi, tra cui Belgio.MU

READ  Morte del piccolo Emil: l'escursionista che ha trovato il teschio si è comportato in un modo che "ci ha profondamente turbato"