Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Amazon aumenterà i prezzi per il suo abbonamento di punta: ecco cosa devono pagare i belgi ora

Il gruppo Amazon, che all’inizio dell’anno ha alzato i prezzi del suo abbonamento base negli Stati Uniti, ha annunciato che farà lo stesso a partire dal 15 settembre in Francia, Germania, Inghilterra, Spagna e Italia. . Anche i clienti belgi con un account Prime soffriranno di questo aumento, poiché devono passare attraverso i siti amazon.fr, amazon.nl o amazon.de (la versione tedesca) per effettuare un ordine con il gigante della posta elettronica. Possedere amazon.be. I clienti in Belgio hanno anche ricevuto un’e-mail la scorsa notte che li avvisava di un aumento del prezzo per il loro abbonamento. “Dal 15 settembre 2022, il prezzo dell’abbonamento Prime mensile aumenterà da € 5,99 a € 6,99 e il prezzo dell’abbonamento Prime annuale aumenterà da € 49 a € 69,90”, si legge nell’e-mail inviata martedì.

Lo stesso vale per la Francia dove i prezzi saliranno anche da 5,99 a 6,99 euro al mese e da 49 a 69,90 euro all’anno. Nel Regno Unito si va da 7,99 sterline a 8,99 sterline (circa 10,6 euro) e da 79 a 95 sterline (circa 112 euro). In Germania, da 7,99 a 8,99 euro e da 69 a 89,9 euro. In Spagna e Italia, da 3,99 a 4,99 euro al mese e da 36 a 49,90 euro all’anno.

Gli abbonati devono essere avvisati da martedì all’una di notte, secondo un portavoce di Amazon France con AFP.

Il gruppo afferma di dover fare i conti con “l’aumento dei costi di trasporto”, in particolare con l’aumento dei prezzi del carburante e dell’energia o addirittura con i “costi di imballaggio”.

Amazon France afferma inoltre di aver “ampliato in modo significativo la portata del servizio sin dal suo lancio nel 2008”, rilevando in particolare il numero di prodotti idonei per la consegna espressa o un servizio di spesa ultra-fast food in collaborazione con Monoprix, offerto in circa dieci città in Francia.

READ  ING chiuderà nuove filiali

Amazon non parla del numero dei suoi abbonati per paese, affermando semplicemente che ha “più di 200 milioni” di membri principali in tutto il mondo. Il colosso statunitense ha annunciato a febbraio un aumento di prezzo per Prime negli USA, un precedente che gli consente di essere fiducioso nell’affrontare i rischi di cancellazione degli abbonamenti nel contesto delle forti preoccupazioni dei consumatori sul proprio potere d’acquisto.

“Da quello che abbiamo visto negli Stati Uniti, non si è verificato alcun fenomeno di opt-out (disimpegno, ndr) poiché offriamo sempre più servizi tramite Prime e questo servizio consente comunque ai consumatori di realizzare risparmi molto significativi”La stessa fonte ha detto all’AFP.

All’inizio di luglio il gruppo ha semplificato la procedura per l’opt-out da “Prime”, “dopo un dialogo con la Commissione europea e le autorità nazionali di tutela dei consumatori”, ha indicato Bruxelles all’inizio del mese. L’approccio segue la denuncia di molte associazioni di consumatori.