Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ad Auxerre è stato scoperto un cimitero gallo-romano di bambini molto piccoli

Ad Auxerre è stato scoperto un cimitero gallo-romano di bambini molto piccoli

Gli scavi archeologici spesso rivelano aspetti sconosciuti della nostra storia, permettendoci di comprendere meglio le civiltà del passato. Lo scorso marzo abbiamo parlato delle prime scoperte fatte ad Auxerre. Recentemente, un team dell’Istituto Nazionale per la Ricerca Archeologica Preventiva (Inrap) Le ricerche sono proseguite in Place Maréchal Leclerc, sotto il controllo della Direzione regionale degli affari culturali (DRAC) Borgogna-Franca Contea. Questi scavi hanno portato alla luce un antico cimitero dedicato ai bambini molto piccoli e ai bambini nati morti, fornendo una visione senza precedenti delle pratiche funerarie di questa popolazione durante l’antichità. La scoperta di questa necropoli, così come quella del recinto fortificato dell’antica città di Otisiodorum, forniscono elementi cruciali per comprendere lo sviluppo urbano e sociale di questa regione nell’arco di due millenni.

Un cimitero dedicato ai bambini molto piccoli ad Auxerre

Gli scavi hanno portato alla luce una necropoli risalente all’Alto Impero (I-III secolo), precedentemente sconosciuta ad Auxerre. Secondo le antiche regole, i cimiteri erano situati fuori città. Inoltre, alcune aree sono appositamente destinate ai bambini molto piccoli. Ciò è comprensibile dato l’alto tasso di mortalità infantile dell’epoca. Il cimitero di Auxerre è ben conservato. Permette agli archeologi di studiare i gesti funerari dedicati a questi giovani defunti.

Tomba di bambino molto piccolo realizzata in piastrelle (imprex). © Corentin Dujancourt, INRAP

Le pratiche osservate rivelano una grande diversità di metodi di sepoltura. Vengono scoperti corpi disposti in piastrelle, ceramica, bare di legno, corteccia di alberi e altri materiali. La complessità e la diversità dei rituali funerari dimostra l’importanza di queste sepolture. Ciò contraddice l’idea che i bambini molto piccoli vengano trascurati nella morte.

Sono in corso gli scavi per una tazza di ceramica in miniatura che fu depositata nella tomba di un bambino. © Loïc Gaytan, INRAP

Vicino ai corpi sono stati rinvenuti oggetti apotropi (destinati alla protezione nell’aldilà) come una perla, una moneta o la ruota della roulette. Questi oggetti avevano lo scopo di proteggere i bambini nell’aldilà. È stata scoperta anche una tazza di ceramica in miniatura sulla testa di un bambino, indicando l’interesse per queste sepolture. La necropoli di Auxerre arricchisce così la comprensione dei comportamenti funerari gallo-romani, in particolare di quelli destinati ai membri più giovani della comunità.

READ  Quattro scenari che mirano alla neutralità carbonica della Francia

Pratiche funerarie diverse e complesse

Una delle caratteristiche sorprendenti di questo cimitero è la diversità delle pratiche funerarie osservate. La maggior parte dei bambini sepolti erano in posizione fetale, simbolo di rinnovamento e ritorno alla terra. Tuttavia, alcuni sono stati trovati sdraiati sulla schiena, il che potrebbe riflettere diverse tradizioni o credenze familiari. I contenitori per i corpi variavano molto, come abbiamo accennato in precedenza. Alcune sepolture utilizzavano piastrelle (imprex) per formare un rudimentale sarcofago, mentre altre scelsero la ceramica. Sono state scoperte bare di legno, cortecce di alberi e persino calchi di pietra. Sono stati utilizzati anche tessuti e altri rivestimenti flessibili. Esibiscono una varietà di pratiche che si adattano alle risorse disponibili e alle credenze locali. A volte, frammenti di anfora venivano usati per coprire i corpi, aggiungendo un ulteriore livello di protezione e significato rituale.

Evoca la cerimonia di sepoltura di un bambino, dove la tomba è composta da due piastrelle circolari. ©François Gauchet, INRAP

Notevole è anche la complessità delle procedure funebri, poiché durante la sepoltura si osservano fino a otto fasi. Questo gran numero di gesti dimostra che questi bambini molto piccoli non si sentivano rifiutati. Al contrario, le loro tombe hanno ricevuto un’attenzione speciale e rispettosa. Le fasi includevano la preparazione del corpo, la selezione e la sistemazione degli oggetti funerari e la chiusura della tomba. Pietre incise segnano alcune delle tombe. Queste pietre provengono spesso da altre rovine. Ciò può indicare il desiderio di personalizzare e santificare i luoghi di riposo. Queste pratiche testimoniano una società in cui anche i più piccoli tra i defunti erano circondati da rituali complessi. Riflettono un’importante considerazione sociale e spirituale.

READ  Perché i cinghiali tedeschi sono radioattivi?

Densità e sovrapposizione eccezionali di tombe ad Auxerre

La densità e la sovrapposizione delle sepolture in questo cimitero è unica nel mondo gallo-romano. Gli archeologi hanno osservato fino a cinque livelli di tombe impilate una sopra l’altra, un fenomeno raro. Infatti, l’integrità delle tombe dovrebbe solitamente essere mantenuta secondo le antiche pratiche funerarie. Ad Auxerre furono installate alcune tombe mentre altre furono distrutte, forse a causa dello spazio limitato. Ciò potrebbe anche spiegare la situazione particolare dei bambini molto piccoli, che spesso vengono visti in modo diverso dagli adulti.

Questi bambini, vittime dell’alto tasso di mortalità infantile, furono sepolti in aree designate del cimitero. La priorità era sfruttare al meglio lo spazio piuttosto che rispettare l’integrità di ogni sepoltura. Questo contesto archeologico offre una prospettiva unica sulla gestione degli spazi funerari e delle condizioni sanitarie.

La rifondazione urbana nel IV secolo

La riedificazione urbana del IV secolo segnò una svolta decisiva nella storia di Otisiodorum. Gli scavi archeologici hanno evidenziato la costruzione di un recinto fortificato (castrum) agli inizi del IV secolo, citato in un articolo di marzo. Permise a Otisiodorum di affermarsi come capitale della nuova città di Auxerre dopo la parziale divisione della regione di Edoy. Questa fortificazione, lunga circa 1.100 metri, rappresenta un pregevole esempio di architettura militare romana. Gli archeologi hanno scoperto un prolungamento di 14 metri di questa fortificazione, nonché diversi livelli di cantieri.

La Place du Maréchal Leclerc, situata all’angolo sud-ovest di questa fortificazione, divenne rapidamente un luogo di potere. Sembra che abbia ospitato la prima cattedrale dedicata a Sant’Albano nel IV secolo. Nel corso dei secoli questo sito ha subito numerose trasformazioni, ospitando numerosi edifici amministrativi, residenze e strutture di servizio. Tracce di strutture successive, come abitazioni, cantine e pozzi, dimostrano il continuo sviluppo di questa zona fino al XIX secolo. La fortificazione stessa svolse un ruolo cruciale nella protezione e nell’organizzazione della città. Il suo utilizzo decadde poi con l’espansione urbanistica e la modernizzazione della città. Le scoperte fatte in questo sito arricchiscono la comprensione dell’urbanizzazione e dello sviluppo sociale e politico di Auxerre attraverso i secoli.

READ  commento diverso coronavirus e allergie al polline ?

fonte : Inrap