Febbraio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Abbiamo seguito Zino Debast, che ha festeggiato nella sua città natale, Halle: “È positivo che l’Anderlecht cerchi un altro difensore centrale nella finestra di mercato”.

Abbiamo seguito Zino Debast, che ha festeggiato nella sua città natale, Halle: “È positivo che l’Anderlecht cerchi un altro difensore centrale nella finestra di mercato”.

A destra c’è la carovana delle patatine, a sinistra, all’ombra della chiesa, un piccolo campo da calcio. Mercoledì pomeriggio a Boesigen (Hull) nell’arena c’era entusiasmo. Poco più di 90 bambini hanno partecipato al torneo sponsorizzato da Zeno Debast (20), su invito del sindaco Mark Snook. Il residente più famoso della città rimase sorpreso quando scese dalla macchina. ““Oh, non mi aspettavo così tanta gente.”ha detto chi è arrivato direttamente dal pranzo di Natale organizzato a Nerbiddi.

Dopo aver baciato i suoi genitori e “Bomba” (tutta la famiglia vive ancora in città, e Zeno ora vive nel Brabante Vallone), Debast ha scattato diverse foto prima di assistere alla partita finale del torneo. Il problema: una maglia dei Devils autografata. “Zeno è molto felice di poter fare questo ad Hal. È molto legato alla sua cittàSuo padre Rafe spiega. Rimasi ancora stupito quando si tatuò la Basilica Hall sul braccio. Ma d’altro canto è un luogo speciale per umiliare. Prima di ogni partita di Zeno c’è un rito: un membro della famiglia accende due candele in chiesa.

Zeno Debast è rimasto sorpreso dalla calorosa accoglienza dei bambini mercoledì nella sua città. © Camiri Inio

Zeno Debast ha giocato solo per un anno nel club locale, ed è stato subito scoperto dalla RSCA che giocava nella stessa serie con i loro Imps regionali. “Sono così orgoglioso di poter tornare nella mia città natale e accontentare tutti questi ragazzi. È importante mostrare da dove veniamo. Anche l’atmosfera è fantastica.“, ha osservato prima di ridere dell’osservazione di un bambino di 10 anni sulla qualità del profumo che indossava. Giocavo su un altro campetto, a poche centinaia di metri da qui, quando ero giovane. Ci siamo riuniti dopo gli esami e abbiamo affrontato gli adulti.

READ  Formula 1 | La causa delle tensioni tra Haas F1 e Schumacher è finalmente nota?

Zeno, dopo aver visto tutta questa gente, è per te anche questa una magra consolazione in vista della sfida contro il Genk alla quale dovrai guardare dalla tribuna per l’abuso dei cartellini gialli?

“Sì, è un peccato non giocare. Sarà una partita importante e dobbiamo prepararci al meglio. Conosco molto bene Bilal El-Khannous al Genk. Abbiamo giocato spesso insieme nelle giovanili dell’Anderlecht. Mi piace di fronte a lui perché ricevo sempre palla da lui. No, sto scherzando”. (Lui ride). E’ un grande giocatore e un bravo ragazzo”.

Chi ti sostituirà come difensore centrale sabato contro il Genk?

“Abbiamo diverse possibilità. C’è Killian (sardina) Chi conosce bene questa posizione ma abbiamo anche Lucas (licenza),Louis (Papà) E anche Amadou (annunciare) Chissà come si svilupperà questo posto. “Abbiamo ancora molte soluzioni.”

Nawras

“Devo ancora fare dei passi in avanti ma sento di gestire gli attaccanti meglio di prima”.

Tuttavia Brian Rimmer ha pochissime soluzioni come difensore centrale. Anche l’Anderlecht sta cercando qualcuno da ricoprire nel mercato di gennaio.

“Sì, lo capisco molto bene. Può solo spingerci ad avere un altro concorrente. È una buona cosa.”

Arrivo che funzionerà sulle aspettative La tua partenza all’estero a giugno ?

“Non lo so (sorridente). Nel calcio non si sa mai. E’ positivo vedere arrivare nuova linfa nel gruppo. “Ci sono ancora alcune partite dopo la pausa invernale.”

Abbiamo l’impressione che tu abbia rafforzato la difensiva in questa stagione. Ti lasci ingannare meno dai trucchi degli aggressori. Lo abbiamo visto di nuovo domenica contro Vincent Janssen dell’Anversa.

“Sì, esatto. So che questo è il punto in cui devo migliorare. Ho ancora tanto da fare ma sento che le cose stanno migliorando. Sto gestendo gli attaccanti meglio di prima”.

READ  Thibaut Courto è positivo al Covid: il campionato spagnolo è gravemente colpito dal virus!

Concludiamo con l’argomento caldo tra i demoni prima di farvi assaggiare il brindisi: Thibaut Courtois non giocherà gli Europei Con i Diavoli quest’estate. Come hai reagito alla notizia?

Non conosco i dettagli e non preferisco parlarne. Abbiamo comunque un buon pool di talenti in Nazionale.