Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

A Gerusalemme gli oppositori dell'autorità e le famiglie degli ostaggi si uniscono per chiedere la partenza di Benjamin Netanyahu

A Gerusalemme gli oppositori dell'autorità e le famiglie degli ostaggi si uniscono per chiedere la partenza di Benjamin Netanyahu

Mercoledì è stata organizzata una nuova manifestazione vicino alla Knesset per protestare contro il governo israeliano. Hanno partecipato oppositori delle autorità e famiglie degli ostaggi.

pubblicato


Tempo di lettura: 2 minuti

Manifestanti davanti alla Knesset, il parlamento israeliano a Gerusalemme, 2 aprile 2024. (ABIR SULTAN / MAXPPP)

Queste sono le più grandi manifestazioni a cui Israele ha assistito dall’inizio della guerra, il 7 ottobre. A Gerusalemme, mercoledì 3 aprile, vigilia della pausa parlamentare, si è tenuta la quarta manifestazione consecutiva nei pressi della Knesset, l'Assemblea nazionale israeliana. Queste vacanze non dovrebbero essere facili per i rappresentanti della maggioranza di destra e di estrema destra mentre la protesta aumenta.

Dall'inizio della settimana si registra una convergenza di conflitti tra il movimento sociale nato dall'opposizione alla riforma della giustizia dell'anno scorso e i sostenitori delle famiglie in ostaggio che non credono più in questa strategia, nella quale il combattente del governo permetterebbe loro di ricongiungersi i loro cari. Adesso tutti hanno lo stesso obiettivo: la caduta di Benjamin Netanyahu.

“Creeremo ondate finché questo governo non cadrà”.

“Elezioni subito” Questo è l'unico slogan delle manifestazioni che hanno riunito per quattro giorni migliaia di israeliani come May Albini Berry: “Mio zio è stato ucciso il 7 ottobre. Mio nonno è stato rapito. Questo governo è responsabile ! In sei mesi non hanno fatto nulla ! Mai Albini Perry è il nipote di Haim Perry, 80 anni in due settimane e ostaggio di Hamas per 181 giorni. : “La sua vita dipende da queste persone. Io non ci credo e nemmeno lui aveva fede. Ecco perché, in suo nome, devo gridare che questo governo si fermi. Perché a loro non importa se torna.” …”

Benjamin Netanyahu La coalizione più di destra della storia del Paese È accusato di continuare la guerra a Gaza per restare al potere, e questa non è l'unica lamentela. Ami Dror è uno dei pilastri delle due precedenti ondate di manifestazioni scatenate dal primo ministro negli ultimi quattro anni : “Oggi c'è la pressione degli ebrei ultra-ortodossi, la pressione internazionale e la società civile. Stiamo agitando la barca e creando onde finché questo governo non cadrà. Molte brave persone e buoni paesi stanno cercando di salvare Israele da se stesso. Noi ne facciamo parte. ”

Il prossimo appuntamento è sabato sera a Tel Aviv per una nuova manifestazione che riunirà ancora una volta gli oppositori del regime e le famiglie degli ostaggi.