Agosto 13, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

15 motivi per preoccuparsi della biodiversità marina, minacciata di collasso nel prossimo decennio

Lo sappiamo attività industriali degradare l’ambiente. Il Pesca eccessivainquinamento, plasticaIl Il riscaldamento globale…le ragioni sono tante. Ma ciò che è meno noto è come altri processi meno noti contribuiscano a questo degrado dell’ambiente marino, in particolare altri processi meno noti. Questo è ciò che il team ha voluto studiare in uno studio pubblicato sulla rivista Ambiente ed evoluzione della naturaGrazie a una collaborazione internazionale con 30 ricercatori specializzati in sistemi marini e costieri. Si concentrano solo sui problemi nuovo e il suo impatto futuro nei prossimi cinque-dieci anni.

Per la loro ricerca, hanno iniziato stilando un elenco di 75 potenziali cause insieme a 30 ricercatori e alla loro rete, per poi separarle in tre categorie: impatti sugli ecosistemi, sfruttamento delle risorse e nuove tecnologie. Poi hanno messo in votazione tutti i loro suggerimenti per ridurre progressivamente la lista Ciascuno ha valutato ogni problema da 1 a 1000 secondo criteri diversi, quindi il workshop partecipativo ha consentito di isolare i quindici più importanti tra i più votati.

Sugli ecosistemi marini: effetti imprevisti dell’attività umana

Tra i problemi denunciati sono comparsi diversi imprevisti, come il problema di incendi boschivi. Questi ultimi, sempre più numerosi e sempre più pericolosi, Libero da polvere atmosfericae particelle e grandi Taglie Per sostanze contenenti forme solubili di NutrientispecialmenteazotoIl fosforo e il metallo pesante come rameIl Comando e il ver »Spiega lo studio. Tutti questi detriti vengono poi trasportati su lunghe distanze, a volte fino alle coste, e quindi al mare o all’oceano. Difficile quindi valutare il loro impatto diretto, ma tali incendi hanno già portato a una diffusione diffusa Piante vegetarianeo la morte di molti Pesci. Un altro pericolo inaspettato: l’oscuramento delle coste. Gli ecosistemi costieri dipendono luce Il Soleil. Tuttavia, il cambiamento climatico e le attività umane stanno cambiando il colore acqua, e quindi la penetrazione della luce. poi spara a reazione a catenaPerché l’oscuramento dell’acqua provoca la proliferazionealcuniche a sua volta getta un’ombra sull’acqua.

READ  Due settimane prima dell'annuncio, non avevano più segreti

A questo blackout si aggiunge il problema dei metalli pesanti, o dell’inquinamento in genere dovuto al loro scarico in acqua sedimenti contaminati. Un effetto che va di pari passo con il cambiamento climatico: quest’ultimo sta arricchendo di più gli oceani acidirendendo più probabile l’assorbimento di minerali e l’aumento Avvelenamento. Oltre ad uccidere alcune specie, i metalli pesanti possono semplicemente contaminarle: gli autori citano in particolare: bivalvi, come cozze o ostriche. Ma anche tutte le altre specie marine sono colpite dal riscaldamento globale. Nel loro studio, i ricercatori discutono acidi grassi Essenziale, si trova in grandi quantità nei pesci, ma in realtà deriva dal fitoplancton di cui si nutrono. Il riscaldamento degli oceani impedisce loro di sintetizzarli in modo efficiente e questo effetto può interessare tutti catena alimentare chi dipende da loro.

Pesca d’altura: un calo sicuro se non si fa nulla

I ricercatori hanno sottolineato lo sfruttamento delle risorse ecosistemi marini, utilizzato per scopi industriali. Il Collagene Per esempio. essi “Affiliato” proteina Strutture sempre più utilizzate in Applicazioni Cosmetici, prodotti farmaceutici, nutrienti e biomedicina »Spiega lo studio. Si trova in vari organismi marini, come Medusa o spugna. Questo desiderio di estrarre collagene può esacerbare la pesca eccessiva, che è già una delle principali cause del declino della biodiversità marina. A ciò si aggiunge il rischio di pesca eccessiva nelle acque profonde di specie di medio mare che vivono a profondità comprese tra 200 e 1000 metri. essi “Non adatto al consumo umano, ma può fornire farina di pesceacquacoltura o usato come fertilizzante, Spiega lo studio.

Tuttavia, questi sono necessari per mantenerli Stoccaggio di carbonio negli oceani. “Ci sono aree in cui riteniamo che i cambiamenti immediati possano prevenire enormi problemi nel prossimo decennio, come la pesca eccessiva nei mari medio-profondi dell’oceano”.Avverte la dottoressa Ann Thornton, prima autrice dello studio e ricercatrice del Dipartimento di Zoologia dell’Università di Cambridge. La riduzione di questo non solo fermerà lo sfruttamento eccessivo di questi stock ittici, ma ridurrà anche l’interruzione del ciclo ittico. Carbonio Nell’oceano – perché questa specie è una pompa oceanica che rimuove il carbonio dai nostri corpi atmosfera. » Infine, i ricercatori hanno discusso della domanda di batterie, che potrebbe quintuplicarsi entro il 2030. Temono che l’attività mineraria venga convertita allo sfruttamento offshore, nei bacini Salamoia Che ospita molte specie endemico (Solo vivendo in un luogo particolare).

READ  Fortnite è tornato sui dispositivi mobili, grazie a GeForce Now di NVIDIA

L’obiettivo principale dei ricercatori: allerta

Un altro lato di batterie : degrado dell’ambiente. Sono spesso sepolti alla fine della loro vita, ma ” alcuni cartelle Le celle della batteria e alcuni elettroliti chimici sono tossici per la vita acquatica o formano inquinanti organici persistenti quando combustione incompleto”, I ricercatori hanno avvertito. Poi citano la costruzione di città marine galleggianti, che permette di migliorare la produzioneenergia In modo che siano rinnovabili e immediatamente. Ma, un piccolo problema, tali costruzioni possono favorire la diffusioneSpecie invasive. Anche altre alternative verdi non sfuggono ai ricercatori, come i sacchetti biodegradabili. Utilizzato per sostituire le plastiche, alcune delle quali non sono state adeguatamente testate in ambiente marino e possono rivelarsi tossiche. Quelli che contengono polibutilene succinato (PBS) eacido polilattico (PLA) o articoli basati su Cellulosa E il’amido Può diventare un rifiuto marino e causare effetti negativi simili alla plastica convenzionale”. Nota che sono ancora molto meno dannosi dei sacchetti di plastica usati prima.

Infine, l’obiettivo principale di questo studio è di allertare e incoraggiare a Monitoraggio degli oceani miglioratomentre dal 2021 siamo in Il Decennio di Oceanografia delle Nazioni Unite per sviluppo sostenibile ». Gli ecosistemi marini e costieri affrontano un’ampia gamma di problemi emergenti poco riconosciuti o fraintesi, ciascuno con il potenziale di incidere sulla biodiversità.Il dottor James Herbert Reed, coautore dello studio e ricercatore presso il Dipartimento di Zoologia dell’Università di Cambridge, afferma. Evidenziando le questioni future, stiamo indicando dove devono essere apportati cambiamenti oggi, sia nel monitoraggio che nella politica, per proteggere il nostro ambiente marino e costiero. »

Interessato a quello che hai appena letto?

READ  Un asteroide "potenzialmente pericoloso" si avvicina: largo 500 metri, questa domenica dovrebbe "proteggere" il nostro pianeta