Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

10 cose da ricordare dal rapporto AI Index

10 cose da ricordare dal rapporto AI Index

L’Università di Stanford ha rivelato le tendenze dell’intelligenza artificiale nel suo rapporto sull’indice AI, a seguito di un 2023 particolarmente dinamico per il settore.



Rapporto sull'indice dell'intelligenza artificiale
Il rapporto AI Index rivela 10 tendenze nell’intelligenza artificiale, dai progressi tecnici ai costi di apprendimento. ©Università di Stanford

L’Università di Stanford negli Stati Uniti ha presentato l’edizione 2024 del suo libro Rapporto sull'indice dell'intelligenza artificialeil documento che “Traccia, raccoglie, distilla e visualizza i dati relativi all'intelligenza artificiale”con l'obiettivo di fornire “Dati imparziali” Per sviluppare a “Comprensione profonda e accurata” Da questa zona complessa.

Da questo rapporto, i ricercatori hanno estratto dieci tendenze che forniscono una panoramica e una panoramica dell’intelligenza artificiale e di questi sviluppi, dopo il 2023, che è pieno di innovazioni e cambiamenti nelle abitudini.

Un report per comprendere le trasformazioni legate all’intelligenza artificiale

Dal 2017, l’Università di Stanford produce un rapporto che mappa il panorama dell’intelligenza artificiale in tutto il mondo. Il documento è riconosciuto come una delle fonti più credibili e affidabili sull’argomento ed è regolarmente citato nella ricerca accademica. Negli ultimi anni il rapporto AI Index ha assunto un’altra dimensione. “Un decennio fa, l’intelligenza artificiale aveva difficoltà a comprendere il linguaggio e non riusciva a risolvere problemi matematici. Oggi, i modelli di intelligenza artificiale superano regolarmente le prestazioni umane”.Ray Perrault e Jack Clarke, co-direttori del rapporto, presentano il rapporto.

Gli ultimi sistemi moderni, come GPT-4, Gemini o Claude 3, impressionano gli autori con i loro aspetti multimediali, tra la generazione di testi in decine di lingue, l'elaborazione di audio o la creazione di immagini. Ma ciò che distingue il 2023 è il modo in cui l’intelligenza artificiale sta entrando nella vita quotidiana e democratizzandola tra il grande pubblico. Pertanto, l’Università di Stanford vorrebbe presentare la versione 2024 del rapporto “Istantanee oggettive e continue che monitorano più aree chiave.” :

  • Progressi tecnici nelle capacità dell’intelligenza artificiale,
  • Società e investimenti che guidano lo sviluppo e la diffusione dell’intelligenza artificiale,
  • Opinione pubblica sugli impatti attuali e futuri,
  • Misure politiche adottate per promuovere l’innovazione nell’intelligenza artificiale gestendo al contempo i rischi e le sfide.

Monitorando in modo completo l’ecosistema dell’intelligenza artificiale, l’Indice costituisce un’importante risorsa per comprendere questa forza tecnologica trasformativa.

I 10 trend dell'intelligenza artificiale secondo il rapporto Stanford AI Index

Grazie al suo studio approfondito nel campo dell’intelligenza artificiale, l’Università di Stanford è riuscita a identificare dieci principali tendenze in questo settore nel suo rapporto AI Index:

  1. Intelligenza artificiale o esseri umani? : In alcuni compiti, l’intelligenza artificiale supera gli esseri umani, in particolare nella classificazione delle immagini, nel ragionamento visivo e nella comprensione dell’inglese. Ma restano indietro quando si tratta di pianificazione, buon senso o matematica complessa.
  2. L’industria domina la ricerca: Nel 2023 ha prodotto 51 importanti modelli educativi, mentre l’ambiente universitario ha contribuito solo con una quindicina di modelli. Tuttavia, nello stesso anno, grazie alla collaborazione tra industria e mondo accademico, sono stati prodotti 21 modelli, un numero record.
  3. La formazione costa: Secondo le stime dell’AI Index, i costi di addestramento dei modelli AI hanno raggiunto livelli senza precedenti. La formazione GPT-4 è costata 78 milioni di dollari e Gemini è costata 191 milioni di dollari.
  4. In testa ci sono gli Stati Uniti: Il Paese si colloca davanti a UE, Cina e Regno Unito come principale fonte di modelli avanzati di intelligenza artificiale, con 61 sistemi prodotti, rispetto ai 21 sistemi nell’UE e ai 15 sistemi in Cina.
  5. L’intelligenza artificiale responsabile è in ritardo: La ricerca di Stanford rivela una significativa mancanza di standardizzazione nella rendicontazione sull’IA responsabile. I principali sviluppatori, come OpenAI, Google e Anthropic, adottano pratiche di test che complicano gli sforzi per confrontare sistematicamente i rischi e i limiti dei principali sistemi di intelligenza artificiale.
  6. Gli investimenti nell’intelligenza artificiale generativa sono in forte espansione: I finanziamenti per l’intelligenza artificiale generativa sono aumentati di quasi otto volte dal 2022, raggiungendo i 25,2 miliardi di dollari.
  7. L’intelligenza artificiale migliora la produttività: L’intelligenza artificiale rende i lavoratori più produttivi e “porta ad un mercato di migliore qualità”. Alcune attività possono essere completate più rapidamente e l’intelligenza artificiale mostra alcune potenzialità per colmare il divario di competenze tra lavoratori poco e altamente qualificati.
  8. L’Intelligenza Artificiale accelera il progresso scientifico: Nel 2022, l’intelligenza artificiale ha iniziato ad alimentare le scoperte scientifiche, e il 2023 ha visto “Sbloccare le applicazioni dell’intelligenza artificiale nella scienza in modi più significativi, da AlphaDev, che rende l’ordinamento algoritmico più efficiente, a GNoME, che semplifica la scoperta dei materiali”..
  9. Le normative sull’IA stanno aumentando: Negli Stati Uniti, il numero di normative relative all’intelligenza artificiale è aumentato in modo significativo. Erano 25 nel 2023, rispetto a uno solo nel 2016. Nell’ultimo anno, ciò rappresenta un aumento del 56,3% per gli Stati Uniti. Anche in Europa si stanno mettendo in atto delle regolamentazioni.
  10. Intelligenza Artificiale, una prospettiva preoccupante: La percentuale di persone che credono che l’intelligenza artificiale avrà un impatto significativo sulle loro vite nei prossimi anni è aumentata dal 60 al 66%. Inoltre, il 52% degli intervistati ha espresso qualche preoccupazione sui prodotti e servizi di intelligenza artificiale. Il 52% degli americani è più preoccupato che entusiasta dell’intelligenza artificiale.
READ  Centralizzazione dei servizi sanitari al nord: escluso “Nessuno scenario possibile”.