Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

01:47 – La Francia si unisce al programma di esplorazione lunare della NASA

La Francia martedì ha aderito al programma per la futura esplorazione della luna guidato dagli Stati Uniti, firmando gli “accordi Artemis” che prevedono specificamente la creazione di “zone di sicurezza” per proteggere le risorse extraterrestri.

La Francia è così diventata il 20° Paese (dopo Canada, Giappone, Regno Unito, Ucraina, Israele, Emirati Arabi Uniti, Brasile e altri) ad unirsi a questa nuova ondata di esplorazione spaziale. Oceano Pacifico, identifica il National Center for Space Studies (CNES), l’agenzia spaziale francese.

A Washington, DC, l’amministratore delegato Philippe Baptiste, alla presenza dell’amministratore della NASA Bill Nelson, ha firmato il testo della dichiarazione nota come “Accordo Artemis”. L’omonimo programma statunitense mira a riportare gli astronauti sulla Luna intorno al 2025, più di 50 anni dopo lo storico sbarco della missione Apollo 11 sulla Luna.

Prevede inoltre la costruzione di una stazione che sarà assemblata in orbita attorno alla Luna dal 2024, il Moon Gate, futuro punto di partenza per voli con equipaggio a distanza.

Gli Accordi di Artemis sono un insieme di accordi bilaterali con gli Stati Uniti, che si basano sul trattato internazionale del 1967 che governa lo spazio.

“Per la nostra comunità scientifica e la nostra industria, questo nuovo quadro consentirà di affrontare nuove sfide e continuerà a essere annoverato tra le maggiori potenze spaziali”, ha accolto Philippe Baptiste in un comunicato stampa.

Le nazioni firmatarie aderiscono a decine di principi che si applicano alle loro attività future sulla Luna, ma anche su Marte o sugli asteroidi: trasparenza della missione, interoperabilità dei sistemi, aiuto al personale in difficoltà, condivisione di dati scientifici e conservazione dei siti storici. ..

READ  I produttori di giochi sudcoreani stanno facendo causa agli NFT, che fanno soldi veri per giocatori e aziende.

Un provvedimento più controverso prevede la possibilità di definire “zone di sicurezza” per evitare “interferenze dannose” da parte di terzi, in particolare per tutelare lo sfruttamento di risorse, come l’acqua sulla superficie lunare. Questo mentre il trattato del 1967 vieta qualsiasi “appropriazione nazionale” di queste risorse.

“Secondo la nostra analisi, gli Accordi di Artemis non sono in conflitto con il trattato del 1967”, ha detto all’AFP Pascal Olter Girard, vicedirettore dei programmi nel dipartimento di strategie del Centro nazionale per gli studi strategici.

Ha aggiunto che il testo aiuta a “rafforzare” l’impegno della Francia nell’esplorazione lunare. Ad esempio, l’unità di comunicazione e rifornimento Esprit presso il Lunar Gateway in Francia sarà progettata da Thales Alenia Space.

Il testo, rivelato dagli Stati Uniti nel 2020, non è stato firmato da Cina o Russia, che hanno in programma di costruire insieme la loro stazione lunare.

© 2022 AFP. Tutti i diritti d’autore e le rappresentazioni sono riservati. Tutte le informazioni in questa sezione (contributi, immagini, loghi) sono protette da diritti di proprietà intellettuale di proprietà di AFP. Di conseguenza, nessuna di queste informazioni può essere riprodotta, modificata, ridistribuita, tradotta, sfruttata commercialmente o riutilizzata in alcun modo senza il previo consenso scritto di AFP.