Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Wout van Aert ha la prova che avrebbe potuto diventare campione del mondo gravel: “Ma è colpa mia…”

Wout van Aert ha la prova che avrebbe potuto diventare campione del mondo gravel: “Ma è colpa mia…”

Wout van Aert è stato sempre chiaro nelle sue analisi post-gara e non ha cercato di attribuire la sua gara fallita alla sfortuna. Ottavo posto nel Mondiale Gravel, a 8’21” dal vincitore Matej Mohoric, il corridore di Herenthals ha perso subito la gara, a causa di una caduta e di una foratura: “Non era la mia giornata. Prima ho avuto un problema alla sella e poi sono caduto un po’ quando ero nel gruppo di testa, con altri sei piloti. Ogni volta riuscivo a risalire ma poi ho forato l’anteriore”.“, affermano i colleghi di Sporza.

Ma il corridore si rende conto della sua parte di responsabilità: “Questa foratura è stata colpa mia, stavo passando sul tombino e non sono riuscito a ripararlo velocemente. Ho percorso dieci chilometri con solo mezza barra di pressione prima di poter cambiare le ruote e iniziare una lunga salita.”

Il belga era in ritardo di circa dieci minuti. “Sapevo che vincere non sarebbe più stato possibile, ma ho dato il massimo fino alla fine e mi sono comunque goduto la gara. Quindi saper aiutare in caso di problemi fa parte dello sport, e forse devo migliorare.” A questo livello.” Ha detto scherzando. Prima di fissare un appuntamento nella specialità: “Mi piacerebbe tornare l’anno prossimo e trascorrere più tempo in queste gare su ghiaia.”

Nel frattempo, Wout van Aart si prenderà una meritata vacanza, cominciando dall’Italia, dove ha appena concluso la sua stagione. Ma prima si è preso la briga di condividere un’osservazione sorprendente sui suoi social network con questo commento: “Trova il bug”. Il suo Garmin indica che ha trascorso 4:51’35’ sulla bici mentre il vincitore Matej Mohorek ha cronometrato 4:53’57’. Van Aart ha quindi coperto la distanza più di due minuti più velocemente dello sloveno. Senza quel buco probabilmente avrebbe potuto competere per la vittoria.

READ  Domenico Tedesco definisce il paragone del mini-ragazzino con Roberto Martinez: "Ha davvero lasciato il segno" secondo Manu José

Matej Mohorek, campione del mondo gravel, Florian Vermeersch, medaglia d’argento