Maggio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Volevo fare un gioco di parole e scrivere oro massiccio.”

“Volevo fare un gioco di parole e scrivere oro massiccio.”

Quando Valerie ha aperto la porta del suo appartamento venerdì 24 marzo intorno alle 10, non si aspettava di trovarsi davanti a tre poliziotti. “Ho chiesto loro se fosse uno scherzo. È la prima volta che vengo arrestato”. Quindi è stato tenuto per iscritto Voce del Nord.


di video

Convalescente dopo un infortunio al braccio, è stata prima portata al centro ospedaliero della regione di Saint-Omer per verificare le sue condizioni di salute. Tornata in questura nel primo pomeriggio, le è stato detto che era sospettata di aver scritto “spazzatura Macron” davanti alla discarica di Arkes. “Sbagliato, sono appena scattato davanti a me sorridendo”, conferma La Voix du Nord.

Una procedura molto rara

Sulla sua pagina sul social network Facebook, invece, un messaggio che cattura l’attenzione delle forze dell’ordine. È stato pubblicato martedì 21 marzo e recita: “Trash parlerà domani alle 13:00, per le persone che non sono niente, troverai sempre spazzatura in TV”. Il giorno successivo, Emmanuel Macron avrebbe dovuto rilasciare un’intervista televisiva ai giornali di mezzogiorno France 2 e TF1. Nega il suo desiderio di usare questo termine e dichiara stupidità: “Sono io che ho prodotto questa pubblicazione ma volevo giocare con le parole e scrivere “Hard Gold”, e il correttore di bozze è stato modificato e non l’ho rivista prima di inviarla. Del resto non lo cito nemmeno: l’argomentazione non ha convinto gli inquirenti.

Verso le 18, Valerie è stata presentata al procuratore del tribunale di Saint-Omer. Sarà processata il 20 giugno per oltraggio a persona detentrice di potere pubblico.

READ  "Le conseguenze sono gravissime": le nuove accuse di Zelensky alla Russia

Vogliono essere un esempio per me.

L’indagine della polizia è stata aperta a seguito di una denuncia contro X presentata dal vice prefetto della contea di Saint-Omer, Guillaume Thirard. “Mi sono imbattuto in immagini e post offensivi ed è mio dovere segnalarli”, spiega. Per Valérie le cose parlano chiaro: “Vogliono fare di me un esempio. Non sono il nemico pubblico numero uno”. Su Facebook, racconta, ha visto decine di post che ripetevano questo insulto allo stesso capo dello Stato. Pochissimi , se del caso, sono stati perseguiti, secondo La Voix du Nord.


di video

Valerie afferma di condividere “molti video di violenza della polizia o violenza politica, e spesso dico quello che penso, ma sempre in conformità con la legge”. Secondo il numero di gilet gialli della famiglia Odumaru, “siamo in un periodo in cui le intimidazioni sono forti e vengono effettuate sugli attivisti”, riferendosi alla mobilitazione contro la riforma delle pensioni. Ciò non influirà sul suo impegno. “Continueremo a dimostrare e pubblicare, ma mi leggerò con più attenzione”, ha detto a La Voix du Nord. Sud Ouest riferisce di rischiare 6 mesi di carcere e una multa di 22.500 euro.