Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Viviamo in uno stato totalitario diventato troppo potente: la storia di un soldato russo che sceglie di nascondersi nei boschi

Lo specialista di computer Adam Kalinin ha scelto di fuggire per vivere nei boschi quando la Russia ha fatto il suo spaventoso annuncio. Adam Kalinin, che si era opposto alla guerra fin dall’inizio ed era già stato incarcerato per questo, non voleva rischiare di essere mandato al fronte per uccidere gli ucraini.

Partire è stato un passo difficile fuori dalla mia zona di comfort. Anche qui non si sta molto bene, ma psicologicamente sarà davvero difficile andarsene.ha detto alla BBC. Così ha scelto di vivere in una tenda nel bosco per circa quattro mesi, usando un’antenna attaccata a un albero per l’accesso a internet e pannelli solari per l’energia. Si nutre delle provviste che sua moglie porta regolarmente.

Ha spiegato che vivere fuori città e fare rete era il modo migliore per evitare il contatto con lui. spiega che “Se le autorità non possono consegnarmi una convocazione di persona, non sarò costretto ad andare in guerra.

Viviamo in uno stato totalitario che è diventato molto potente. Negli ultimi sei mesi, le leggi sono state approvate a un ritmo incredibile. Se qualcuno ora parla contro la guerra, lo stato lo farà causa.Scopri Adam Kalinen.

Ma la sua nuova vita nei boschi gli ha dato una prospettiva: “Sono cambiata così tanto che le cose di cui avrei potuto pentirmi sono diventate meno importanti. Le cose che una volta sembravano importanti non hanno più il loro potere. Ci sono persone in una situazione molto peggiore della nostra.

Questo non gli impedisce di voler vedere più spesso la moglie, ma tra la vita al fronte o in carcere e più tempo con la moglie, ha fatto questa scelta.

READ  Nazionale olandese accusato di tentato omicidio

La vita di Kalinin nei boschi le ha fatto guadagnare una certa popolarità online, con 17.000 persone che seguono i suoi aggiornamenti quasi quotidiani su Telegram. Pubblica video e foto della sua vita, della sua routine quotidiana e dell’organizzazione del suo accampamento improvvisato.