Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vicino a Bordeaux, la sfida del riciclo dei pannelli solari

Vicino a Bordeaux, la sfida del riciclo dei pannelli solari

I vecchi pannelli solari si trasformano in…flaconi di profumo o semiconduttori. Vicino a Bordeaux, l’impianto “Ardha” offre uno sguardo su un futuro promettente per il settore emergente del riciclaggio nell’industria fotovoltaica.

Sotto un piccolo capannone di lamiera ondulata a Saint-Lupis, un prototipo “unico al mondo”, progettato in Giappone, tritura un pannello usato ogni due minuti.

Riscaldando le sue lame a 300 gradi Celsius, questo “dispositivo di laminazione” lungo circa venti metri separa – come “strati di filet” – il telaio in alluminio, il pannello di vetro e poi la sottilissima cella fotovoltaica. Al termine della linea, l’addetto raschia con un raschietto il rettangolo di vetro ottenuto per eliminare le ultime impurità.

I pannelli così puliti vengono riutilizzati da un “grande vetraio francese” per trasformarli in vetro piano sotto forma di finestre, balconi o anche bottiglie di profumo, spiega Frédéric Seguin, direttore di questo sito fondato l’anno scorso – quando i soliti Il metodo era “Molare i pezzi di vetro direttamente nel substrato stradale.

“Il vetro costituisce il 70% dei pannelli solari e ciò che mi preoccupa innanzitutto è il suo impatto sul pianeta”, afferma il direttore della filiale locale di Envie 2E, una rete di aziende integrate, orgoglioso del suo “tasso di riciclaggio del 95%”. Specializzati nel trattamento dei rifiuti domestici.

– Minerali importanti –

Perché con l’obiettivo francese di decuplicare la capacità di produzione di energia solare entro il 2050, i rifiuti generati dai pannelli fotovoltaici, che hanno una durata di vita compresa tra 20 e 30 anni, raddoppieranno.

Secondo Nicolas Defrain, direttore di Sorin, l’organizzazione ambientalista responsabile del riciclo del settore, la quantità di rifiuti da trattare dovrebbe aumentare da 3.800 tonnellate nel 2022 a “300.000 tonnellate nel 2030” con una dozzina di centri di ritrattamento eventualmente da confrontare . . A tre attualmente.

READ  5 domande su James Webb, il telescopio più grande e potente mai inviato nello spazio

Per lui l’interesse di questa operazione impiantistica “spin-off” resta la possibilità di recuperare “metalli importanti” ad “alto valore aggiunto” (argento, rame, silicio) incorporati nei circuiti “con un elevato grado di purezza”.

I rotoli di celle fotovoltaiche risultanti, dopo essere stati tagliati in strisce sottili, vengono inviati a RosiSolar, una startup di Grenoble, che separa questi metalli preziosi gli uni dagli altri mediante trattamento termico e chimico.

I metalli raccolti, che potranno essere riutilizzati nella fabbricazione di auto elettriche o nella produzione di semiconduttori, serviranno a “creare settori produttivi sovrani in Europa”, scommettiamo noi di RosiSolar.

“Il denaro rappresenta lo 0,08% dei pannelli solari, ma il 20% del loro valore”, spiega Defrin, che vede il riciclaggio come uno strumento “indispensabile” per “garantire l’approvvigionamento” di risorse e “il successo nella transizione energetica”.

Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, il riutilizzo potrebbe in definitiva rappresentare oltre il 60% dell’argento presente nei pannelli solari, mentre le riserve globali delle miniere d’argento non sono sufficienti a coprire tutte le esigenze dell’industria fotovoltaica.

– riutilizzo –

Secondo uno studio di Rystad Energy, il mercato del riciclaggio dei pannelli solari potrebbe valere quasi 80 miliardi di dollari nel 2050.

Ma in un settore che tende a “buttare via” i vecchi pannelli, che stanno diventando sempre meno redditizi con l’avanzare della tecnologia, dobbiamo prima “abituarci a prolungarne la durata di vita”, afferma Christophe Gussaud-Dubian, direttore dell’economia circolare per le basse emissioni di carbonio. energie in azienda. CEA (Comitato per l’Energia Atomica e le Energie Alternative).

In Gironda, il sito Envie 2 E offre anche la possibilità di rivendere tavole usate, dopo una serie di test. Ma questo primato a livello di settore è stato temporaneamente congelato, ed è il momento giusto per strutturare il settore per impressionare installatori e assicuratori.

READ  Microsoft fissa la data per i nuovi modelli Surface

A Saint-Lupis, il municipio, che ha lanciato numerosi progetti di ristrutturazione sostenibili e di risparmio energetico, non ha installato i pannelli usati della fabbrica da professionisti dell’edilizia, a causa di un problema di “conformità tecnica”, ha lamentato il consigliere comunale Emmanuel Favre.

L’uso è “una cultura attuale per il mondo intero” e “spontaneo, nelle vostre giornate di oggi…”, sviluppano il nuovo panneau, mobili importati, che è stato installato sulla facciata dell’ambiente Comunale.