Attualità EVIDENZA Lavoro

Vertenza “La Nostra Famiglia”, stato di agitazione e sciopero nazionale di tutte le strutture

Estate bollente per i dipendenti dell’Associazione “La Nostra Famiglia” secondo quanto annunciato in una nota dall’organizzazione sindacale UIL Fpl unitamente alla rsa.

“Dopo mesi di serrato confronto – si legge nella nota – con i vertici dell’Associazione La Nostra Famiglia nel corso dei quali abbiamo illustrato, in modo esauriente e determinato, i motivi che non giustificano né la scelta di derogare alle clausole della preintesa relativa al CCNL della sanità privata sottoscritta lo scorso 10 giugno e né, tantomeno, quella di disdettarne l’applicazione in favore del CCNL RSA e CdR, nella giornata di ieri, dopo oltre 10 ore di trattativa terminate a mezzanotte, l’Associazione La Nostra Famiglia ha confermato la propria decisione di revocare la sospensione della disdetta del CCNL della sanità privata, a partire dal 18 febbraio scorso”.

“A seguito delle osservazioni fatte dalle OO.SS. – continua la nota – i vertici de La Nostra Famiglia, nel corso degli ultimi incontri, hanno tentato di argomentare diversamente le ragioni poste alla base del cambio di contratto, spostandole dalla presunta insostenibilità economica e finanziaria – confutata anche dalla proposta avanzata di riconoscere, pur con la loro posizione di cambio del CCNL, un trattamento economico parificabile a quello previsto dal rinnovo di cui alla pre intesa – alla presunta incoerenza dell’attività prestata dall’Associazione rispetto a quella prevista dal CCNL della Sanità Privata.

Venendo all’incontro di ieri, durato oltre 10 ore, l’Associazione ha confermato la richiesta di sospendere l’applicazione del comma 2 dell’articolo 1 del testo della pre intesa del rinnovo del CCNL, fino al 30 novembre p. v. – nonostante sia stato chiaramente detto non essere nella disponibilità del tavolo della vertenza Nostra Famiglia – per garantirsi lo spazio di completare l’esame e poter procedere eventualmente ad un cambio di contratto senza vincoli. A fronte di questa richiesta ha manifestato la disponibilità ad un riconoscimento economico in linea con quello del rinnovo e un’applicazione graduale delle 38 ore”.

Stato di agitazione e sciopero nazionale di tutte le strutture dell’Associazione.

“Non potendo accettare alcun margine di deroga alle clausole contrattuali, né tantomeno la possibilità di un cambio di contratto alla luce, soprattutto, dell’inesistenza delle motivazioni rappresentate, le OO. SS. hanno invece reiterato la richiesta di non disdettare il CCNL in corso, offrendo la garanzia della prosecuzione di un positivo confronto con i vertici dell’Associazione per individuare i percorsi necessari e concretamente utili al superamento delle criticità riscontrate e un supporto nelle interlocuzioni con le Regioni, laddove necessario.

Nel rifiutare la nostra disponibilità di accompagno al rilancio dell’Associazione e di assistenza e supporto con le Regioni, come anche tutti gli altri numerosi tentativi volti a procrastinare il confronto per riflettere ulteriormente e raggiungere una soluzione che sembrava vicina, i vertici de La Nostra Famiglia hanno ritenuto imprescindibile la decisione di procedere con la disdetta unilaterale del CCNL.

Le segreterie nazionali come Federazione stanno attivando la procedura per la proclamazione dello stato di agitazione e la conseguente proclamazione dello sciopero nazionale di tutte le strutture dell’Associazione Nostra Famiglia”.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi