Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Verso videogiochi sempre più inclusivi?

Verso videogiochi sempre più inclusivi?

Eroi transgender, acconciature africane, popolazioni indigene: gli studi si stanno spostando verso videogiochi più inclusivi, sotto la pressione dei giocatori, una “rappresentazione” più esigente nei personaggi e nelle trame e lo slancio di una nuova generazione di creatori sensibili a questi temi.

L’esempio più ovvio: l’introduzione dell’attesissimo gioco GTA VI Lucia, il primo personaggio femminile giocabile nella storia di “Grand Theft Auto”, mentre il franchise di Brimstone è stato criticato per decenni per le sue rappresentazioni misogine e ipersessuali delle donne e per le caricature. delle minoranze.

In un settore caratterizzato da casi di molestie di alto profilo (Activision Blizzard, Ubisoft e altri), “siamo diventati più consapevoli” della necessità di una rappresentazione “più profonda” dei personaggi femminili, ha detto all’AFP il funzionario Ashley Reed. Per il romanzo Apex Legends, pubblicato dallo studio americano Electronic Arts.

Se dopo questi casi c’è stata una “vera messa in discussione” dei principali studi cinematografici, “è venuta soprattutto dai giocatori”, spiega Jennifer Lovao, consulente sull’inclusione nei videogiochi e fondatrice di Afrogameuses, un’associazione che sostiene una migliore rappresentanza dei neri. Le donne nel settore dei videogiochi.

“Poiché c’è una reale richiesta di rappresentazione nei contenuti che consumano, soprattutto con l’avvento dei social network”, gli studi “si rendono conto che esiste diversità” tra i giocatori, oltre lo stereotipo del “ragazzo bianco”, dice. Aggiunge, citando l’esempio della “cattiva pubblicità” intorno al gioco “Animal Crossing”.

Star of Confinement, questo gioco che ti permette di personalizzare il tuo avatar come desideri, dall’abbigliamento al taglio di capelli, è stato oggetto a fine 2020 di una petizione che ha raccolto più di 50.000 firme per protestare contro l’assenza delle acconciature afro tra le opzioni disponibili .

READ  Riepilogo della sessione di Hearthstone: panel What's Next alla BlizzCon 2023 - Hearthstone

“Revisori delle allergie”

“Non posso crederci, ma Nintendo ci ha ascoltato! Abbiamo acconciature più inclusive! Ho pianto quando ho scoperto (…) che il mio avatar adesso mi somiglia!”, ha scritto Tanisha a Bracken, una giovane donna di Denver e l’autore della petizione, dopo l’aggiornamento dell’editore giapponese.

Per evitare questo tipo di errore durante la progettazione dei giochi, gli studi cinematografici stanno assumendo direttori dell’inclusione, come Ubisoft da febbraio 2021, per promuovere specificamente l’assunzione in team creativi di “talenti” provenienti da diversità e/o background più sensibili a queste domande.

Come il mondo letterario, anche loro impiegano sempre più consulenti specializzati, “lettori sensibili”.

Questa professione moderna, sviluppatasi soprattutto negli Stati Uniti o in Gran Bretagna, evidenzia le discrepanze culturali negli scenari e nelle rappresentazioni visive, anche se alcuni la vedono come una censura.

“Il mio ruolo è spiegare loro come verrà percepito ciò che offrono e come possono evitare di cadere in certe trappole che creeranno stereotipi”, sottolinea Jennifer Lovao.

Studi indipendenti avanzati

Riconoscendo che i videogiochi sono un mezzo “potente” per trasmettere “messaggi inclusivi e progressisti”, gli studi indipendenti rimangono i primi a evidenziare questi temi, come lo studio francese Dontnod, che ha suscitato scalpore nel 2015 con la serie “Life is Strange” per la sua rappresentazione credibile dei personaggi LGBT+.

Il suo direttore, Oscar Gilbert, ha detto all’AFP, ammettendo di aver dovuto affrontare dozzine di rifiuti prima di incontrare l’editore giapponese Square Enix: “Non possiamo competere con gli studi molto grandi nei loro territori. Dobbiamo trovare la nostra differenza, ed è così che l’abbiamo trovata”. .” Scommesse sul gioco.

Lo studio mette in risalto anche le lingue e i popoli indigeni, da una partita di “Tell Me Why” con gli Alaskan Tlingits, a Punisher’s, dove l’attore ha prestato la sua voce per uno dei personaggi principali ad “alcune lezioni di gaelico scozzese per renderlo .” Sicuramente pronuncia correttamente le sue poche frasi.

READ  Bay Sweet Carol svela il suo primo adorabile trailer

Ma questa tendenza non è sempre benvenuta, come la controversia che circonda Starfield, un gioco molto popolare che ti permette di scegliere il tuo genere e il pronome ad esso associato quando crei il tuo personaggio.

È abbastanza per far arrabbiare alcuni giocatori, come HeelvsBabyface, uno YouTuber britannico con 358.000 abbonati, diventato virale a settembre per la sua diatriba piena di insulti in cui si lamentava del fatto che l’editore Bethesda avesse introdotto “ideologia” nel suo gioco preferito.