Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uomo vittima collaterale di sparatoria: muore perché viveva “al di sopra del punto di contrattazione”

Uomo vittima collaterale di sparatoria: muore perché viveva “al di sopra del punto di contrattazione”

Domenica, intorno alle 00:30, almeno due persone che viaggiavano a bordo di un’auto hanno sparato “diversi colpi di pistola contro la facciata” di un edificio nella zona sensibile di Stalingrado, a nord-est di Digione, in quella che è stata definita una “partita a punti”. .” “, ha osservato durante una conferenza stampa il pubblico ministero di Digione Olivier Karakoc.

Secondo i primi elementi dell’indagine, un proiettile vagante ha ucciso un uomo di 55 anni, che dormiva nel suo appartamento con la moglie e i due figli, proprio sopra il punto dell’affare. “È stato colpito a morte mentre giaceva sul suo letto”, ha detto Karakoć, riferendosi a “una vittima molto drammatica e molto sfortunata che a questo punto dell’accordo è stata colpita solo dal fatto che viveva direttamente sopra di lei”.

La figlia 23enne della vittima ha spiegato in un’intervista all’Agence France-Presse ai piedi dell’edificio in cui vive: “Mio padre, mia madre e io ci siamo svegliati con una serie di spari e poi si sono fermati”.

Un uomo viene ucciso nel suo appartamento a Digione dopo una sparatoria nel suo palazzo

“Poi tutto è ricominciato e quando siamo andati a trovare mio padre, che dormiva nel suo letto, era morto”, ha detto prima di scoppiare in lacrime.

La giovane, che ha chiesto di rimanere anonima, ha spiegato che nell’appartamento di questa famiglia kosovara arrivata in Francia 14 anni fa c’era anche suo fratello di 24 anni.

Il sindaco di Digione, François Ribsamin, del Partito socialista, ha dichiarato che “è inaccettabile che una persona venga uccisa, vittima collaterale dei punti dell’accordo”, riferendosi a “una famiglia rispettabile che non ha mai avuto alcun problema”.

READ  Biden promet une "réponse" de l'Otan si la Russie utilizza des armes chimiques

Gli inquirenti hanno affermato che i presunti attentatori erano ancora in fuga.

Secondo la figlia della vittima: “Qualche anno fa, ci furono degli spari sulla facciata dell’edificio che colpirono effettivamente il nostro appartamento”.

Il pubblico ministero ha confermato che “ci sono già stati incidenti” su questo punto della trattativa “non molto attivi ma rilevati”, senza poter stabilire se l’appartamento della vittima sia stato effettivamente interessato.

La figlia cinquantenne del defunto ha detto: “Vorrei che la Francia proteggesse meglio la sua popolazione e voglio lasciare Digione”.

“un lavoro”

Da parte sua, il figlio della vittima ha detto che suo padre in passato aveva avuto un infarto “perché era arrabbiato a causa delle persone che lo circondavano”.

All’ingresso dell’edificio sono ancora visibili numerosi segni di proiettile.

Il pubblico ministero ha ammesso che “il numero di proiettili è relativamente impressionante”, senza però confermare che sul posto sono stati rinvenuti fino a sessanta bossoli, secondo una fonte della polizia locale.

“Si tratta di una situazione senza precedenti, pericolosa e inaccettabile”, ha insistito il prefetto della Borgogna Franca Contea, Franck Robin, accogliendo con favore l’arrivo dell’unità CRS 8, specializzata nel mantenimento dell’ordine, come annunciato dal Ministero dell’Interno.

In fondo all’isolato, un vicino, senza voler fare il suo nome, conferma: “È un punto di accordo, è così da molto tempo”.

Un altro vicino sulla cinquantina ha detto: “Vengono qui da molto tempo per prendere la Coca-Cola. È un vero affare e stanno in fila dalle 10 del mattino”.

Rispondendo alle domande dell’Agence France-Presse, diversi residenti dell’edificio, che hanno chiesto di rimanere anonimi, hanno confermato che c’erano problemi “normali” con commercianti e consumatori.

READ  La centrale nucleare di Zaporizhia è diventata una "base militare russa", "la usano come scudo nucleare"

Il quartiere alberato, dove recentemente sono stati costruiti HLM puliti, si trova dietro il centro per richiedenti asilo e ospita molte famiglie di rifugiati politici o richiedenti asilo.

“Ci sono punti d’accordo ovunque in Francia”, ha lamentato il sindaco di Digione, “è un problema nazionale”. “C’è una diffusione della droga”, ha aggiunto, riferendosi alle guerre tra trafficanti che stanno provocando sempre più vittime in Francia.

Quest’anno nelle Bocche del Rodano sono state uccise una quarantina di persone, di cui tre vittime collaterali. A Nîmes, Fayed, 10 anni, ha perso la vita alla fine di agosto, dopo essere stato colpito da una sparatoria legata alla guerra della droga.