Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un'infezione persistente che appare, diversa dal Covid lungo!

Un'infezione persistente che appare, diversa dal Covid lungo!

I recenti progressi nella comprensione della pandemia di COVID-19 hanno evidenziato il ruolo fondamentale dell’infezione persistente nell’evoluzione del virus… e nella comprensione dei meccanismi alla base del lungo COVID e della pandemia.

Uno studio recentemente pubblicato sulla rivista naturaRivela che molte infezioni da SARS-CoV-2 nella popolazione generale diventano persistenti, durando un mese o più. Questa scoperta getta nuova luce sulle dinamiche della pandemia di Covid-19, soprattutto per quanto riguarda…Aspetto diAspetto di Nuove variabili e sfide poste dal lungo Covid.

Caratteristiche delle infezioni persistenti

Fino a poco tempo fa, l’ipotesi prevalente attribuiva l’origine delle varianti del virus, come alfa e… OmicronOmicronInfezioni prolungate in persone con immunità indebolita. Tuttavia, l’entità e gli effetti dell’infezione persistente nella popolazione generale sono rimasti poco compresi. Questo nuovo studio colma questa lacuna analizzando i dati dell’Office for National Statistics Covid Infection Survey (ONS-CIS) del Regno Unito, che comprendeva più di 90.000 partecipanti e si è protratto da novembre 2020 ad agosto 2022. Di questo totale, 3.603 persone hanno presentato due casi positivi o più campioni, consentendo il sequenziamento del virus. Di questi, 381 casi sono stati identificati con infezioni persistenti della durata di un mese o più, di cui 54 casi sono durati almeno due mesi.

I ricercatori stimano che tra lo 0,1% e lo 0,5% di tutte le infezioni da SARS-CoV-2 potrebbero diventare persistenti e durare 60 giorni o più. Sorprendentemente, alcune di queste infezioni persistenti sono dovute a varianti del virus che da allora sono scomparse nella popolazione generale, evidenziando la rarità della reinfezione con la stessa variante, probabilmente grazie a…immunitàimmunità Sviluppato dall'host.

READ  Gli scienziati hanno simulato l'impatto di un asteroide che ha spazzato via i dinosauri: "onde alte un miglio"

Esiste un legame tra infezione persistente e sintomi del Covid lungo e delle sue varianti?

Lo studio ha esaminato anche la relazione tra infezioni persistenti e Covid lungo, rivelando che le persone con infezioni persistenti avevano il 55% in più di probabilità di contrarre la malattia. sintomisintomi di coloro che hanno avuto il Covid lungo più di 12 settimane dopo l’inizio dell’infezione, rispetto a coloro che hanno avuto un’infezione più breve. Ciò suggerisce un possibile collegamento tra la persistenza del virus e le manifestazioni prolungate di COVID-19.

I ricercatori hanno osservato un gran numero di mutazioni in alcuni individui, comprese quelle che caratterizzano nuove varianti e modificazioni genetiche proteinaproteina Picco virale. Tuttavia, la maggior parte delle infezioni persistenti non presentava un numero significativo di mutazioni, suggerendo che non tutte le infezioni persistenti sono necessariamente fonte di varianti preoccupanti.

Questo studio evidenzia l’importanza del monitoraggio GenomicaGenomica Comunità per comprendere l'evoluzione della SARS-CoV-2 e le sue implicazioni sulla salute pubblica, in particolare in relazione al Covid lungo e all'emergere di nuove varianti. Fornisce informazioni chiave sulle dinamiche virali prolungate e sui loro potenziali effetti su… PatologiaPatologia Fai un lungo covid.