Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ci sono reali benefici per la salute?

Ci sono reali benefici per la salute?

Il digiuno è una pratica molto antica. E per una buona ragione: nel corso della nostra evoluzione, la specie umana è stata soggetta a frequenti fluttuazioni nell’assunzione di cibo, a seconda, ad esempio, delle stagioni. L’organizzazione, quindiSviluppato una risposta fisiologica alla mancanza di cibo», hanno confermato i medici svizzeri Christian Motet e Sophie Sierro.

In qualche modo si è adattato cambiando il suo metabolismo.Ciò consente di mantenere le funzioni vitali il più a lungo possibile utilizzando le riserve del corpo».

Numerosi studi

Continuo, completo, parziale… Praticare il digiuno è come privarsi del cibo per un certo periodo. Non senza rischiTrarrebbe beneficio da alcuni indicatori? Anche su questo argomento sono stati condotti molti studi nel laboratorio Negli animali che negli esseri umani.

Nel primo caso, il lavoro dimostra infatti meccanismi molecolari benefici (resistenza allo stress ossidativo, ecc.) che si attivano con il digiuno. Tuttavia, a causa della mancanza di studi coerenti, la letteratura clinica non conferma questi elementi.

Nel 2014, l’Inserm ha condotto un lavoro sul digiuno a scopo preventivo o terapeutico, svolto in ambito medico. Che, a differenza di altri paesi come la Germania, in Francia non viene offerto.

Il risultato allora era chiaro: “Nessun dato clinico basato su rigorosi studi sistematici può attualmente supportare i meriti di questo approccio, che quindi rimane al momento essenzialmente teorico.».

Prove insufficienti

Da allora sono stati avviati nuovi studi, soprattutto in ambito oncologico, a causa dei tanti preconcetti che circolano sui social network. Secondo il quale, ad esempio, si dovrebbe evitare di mangiare per “Fame“Tumori…

All’inizio del 2024, l’Inserm ha effettuato un nuovo inventario, prima di arrivare alla stessa conclusione: “Chiaramente, le prove accumulate oggi non sono sufficienti per confermare che il digiuno o anche solo la limitazione dell’assunzione di zucchero siano utili nella lotta contro il cancro o nel tollerare meglio la chemioterapia.».

READ  Dipartimento di Neurologia sotto copertura causa Covid-19

Apertura scientifica?

Nel marzo 2024 è stato senza dubbio fatto un passo avanti nella comprensione degli effetti del digiuno all’interno dell’organismo. Utilizzando nuove tecniche in grado di misurare i livelli di 3.000 proteine ​​nel sangue, i ricercatori hanno innanzitutto confermato che il corpo cambia la sua fonte di energia – dal glucosio al grasso corporeo immagazzinato – nel corso dei primi 2-3 giorni di digiuno.

Con in gioco una perdita di massa – 5,7 kg in media – prima della stabilizzazione. Gli scienziati hanno anche identificato alcune proteine ​​che sono specificamente coinvolte nella risposta dell’organismo al digiuno. È sufficiente estrarre indicatori terapeutici? Non a questo punto. Lo studio in questione è stato condotto su sole 12 persone. E nel corso di 7 giorni…