Dicembre 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un’impresa su quattro è in difficoltà finanziaria: un settore paga il conto più grande

Più di un quarto (27%) delle aziende si trova oggi in difficoltà. Era del 18% alla fine della crisi del coronavirus, secondo una stima di GraydonCreditsafe citata sabato da Liko. Il desk analisi ha esaminato i bilanci di 460.000 aziende e l’evoluzione dei pagamenti di 2,5 milioni di bollette trimestrali, con particolare attenzione alle bollette energetiche e salariali.

Almeno 115.000 aziende hanno bruciato le loro riserve ora, rispetto alle 76.000 di un anno fa. La quota delle compagnie audio è diminuita dal 47% al 39% e la necessità di iniettare fondi è aumentata di 20 miliardi di euro. Il deterioramento è principalmente associato ai prezzi dell’energia, ma anche l’indice salariale gioca un ruolo.

È il segmento dei voucher di servizio che paga la bolletta più pesante. La metà delle aziende che ci sono ora sono in rosso. Segue HORECA e l’industria alimentare, dove quattro aziende su dieci non hanno i fondi per superare la crisi. GraydonCreditsafe chiede aiuto a più livelli, mirato più che lineare. Ad esempio, rilanciando l’interesse teorico (che il governo federale ha appena abolito) con tassi di interesse indicizzati all’inflazione, dallo stimolo fiscale all’acquisizione di partecipazioni di minoranza in società in difficoltà per le imprese sane o anche aiutando le imprese operanti principalmente nel verde campo. transizione.

È un cocktail killer

A RTL INFO 13H, Christoph Wambersey, Segretario Generale dell’Unione Neutrale degli Indipendenti della Vallonia – Bruxelles, ha commentato queste cifre.

“È un annuncio di fatti pianificato in anticipo. Oggi aggiungi l’inflazione nel prezzo delle forniture, l’esplosione dei prezzi dell’energia e la sfilacciatura iniziata davvero nel 2022. È una combinazione killer per le aziende. All’inizio, raschiano il in fondo alle scale con le loro riserve. E sappiamo che le aziende, soprattutto quelle piccole, soffrono di problemi di sottocapitalizzazione. Non hanno una spina dorsale abbastanza forte per gestire situazioni così complesse. Inevitabilmente, siamo all’inizio dell’ondata e non ancora in cima all’onda, le cose andranno peggio, il governo dovrebbe intervenire concretamente per aiutare le imprese.

Le autorità hanno già preso provvedimenti. Permetteranno di evitare i fallimenti? “Sono state adottate numerose misure a livello regionale. Sono relativamente deboli e avranno un impatto reale sulle imprese solo tra pochi mesi. Nel frattempo, la situazione si deteriorerà ulteriormente. Quanto ad altre misure, si tratta di misure preventive , che accompagnano la situazione. Chiediamo misure come il tetto del costo dell’energia e la possibilità di favorire la ricapitalizzazione aziendale. Questo è essenziale. Chiediamo anche di considerare una moratoria sui casi di fallimento. Ci sono soluzioni che costano denaro, ma che è il prezzo da pagare per salvare la nostra attività”.