Novembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un’emittente meteorologica è stata pesantemente criticata per aver dichiarato oltre 40 gradi in Francia e Belgio in 10 giorni: “Bruceremo davvero”.


Tre settimane fa, il presentatore meteorologico della star di BFMTV Mark Hay ha toccato uno dei suoi post per parlare. Come altri, crede che l’emergenza climatica non venga presa abbastanza sul serio, in particolare dai decisori.

Fu allora che la Francia fu colpita da un’ondata di caldo, con temperature oltre i 40 gradi in alcuni punti: “Ho deciso di smettere di usare il mio solito tono. La gente deve capire che la Francia sta per esplodere questa settimana, e stiamo cambiando la strada ne parliamo. L’estate è appena iniziata. E tutto andrà peggio”.

Una versione ampiamente pubblicata. E questo fine settimana, si è parlato di nuovo di Mark Hay. Su Twitter, ha usato ancora una volta un tono di cautela riguardo alle previsioni a medio termine: “Spero che i modelli vadano in frantumi. Perché altrimenti, bruceremo davvero all’orizzonte del 15/16 luglio”, ha twittato con le mappe della temperatura. In questo, abbiamo raggiunto 46 gradi in Francia e 40 gradi in Belgio e nel Regno Unito. “Totalmente pazzo [complètement fou, NDLR] Ha aggiunto, spiegando che queste aspettative sono ancora “lontane”, ma era necessario seguire da vicino questa situazione.

Il suo tweet ha suscitato rapidamente molte reazioni, non sempre positive. Alcuni netizen lo hanno criticato per essere troppo allarmante e per voler fare storie. Quindi ha pubblicato un altro tweet più blando: “Speriamo che questo rilascio del modello non avvenga. Ma la preoccupazione è che i modelli ora possano visualizzare scenari del genere”. Nonostante ciò, le critiche hanno continuato a piovere e il meteorologo alla fine ha deciso di rimuovere i suoi tweet.

READ  stati rossi. Il capo dei servizi sanitari chiude le porte dell'aeroporto di Tel Aviv. - Valle d'Israele

“L’idea era quella di creare il campo delle possibilità, non dare per scontata questa modellazione”, ricorda, prima di aggiungere un livello: “È complesso. Non mostrare nulla, non dire nulla, non aver paura. Fai dobbiamo ricordarvi che la temperatura era di circa 43 gradi il 18 giugno a Biarritz? Chi avrebbe mai immaginato 46 gradi Celsius da Vérargues nell’Hérault il 28 giugno 2019?”.

Ma cosa sarebbe veramente? difficile da dire. Météo France sottolinea sul suo sito che, nella seconda metà di luglio, “le temperature dovrebbero essere al di sopra dei valori abituali per la stagione” … ma senza precedenti superamenti. Il voto di laurea 30/35 può essere raggiunto in alcuni punti.

E in Belgio?

Abbiamo posto la domanda a Philippe Mavis, di Météo Belgique. Secondo lui, luglio sarà migliore di quanto annunciato. “Per il mese di luglio in corso, sarà prima un anticiclone adagiato sull’Atlantico, con correnti abbastanza fredde che vorranno circolare sul suo lato nord che dovrebbe raggiungerci, ma poi dovremmo essere sotto l’influenza di un anticiclone scandinavo. Questo ci rende più caldi .aria continentale.” Improvvisamente, un’ondata di caldo non è stata esclusa. Arriverà nella seconda metà di luglio o nella prima metà di agosto.

Da parte sua, la risonanza magnetica prevede molta luce solare, ma temperature intorno ai 25 gradi.

Anche se fa caldo e una nuova ondata di caldo non è esclusa, tutto questo dovrebbe essere comunque possibile.