Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una startup polinesiana afferma di rivoluzionare l’assicurazione sanitaria per gli espatriati francesi

Chi è esattamente l’obiettivo dell’assicurazione francese?

Per tutti gli espatriati che finanziano autonomamente i costi di installazione e sanno che si tratta di un vero investimento a lungo termine.

Si tratta quindi di un’offerta destinata agli espatriati di oggi, che partono o con un contratto locale, con un’impresa commerciale o per lavorare in modo indipendente con clienti locali o francesi. Single, coppie o anche famiglie che vogliono cambiare vita.

Hai dichiarato che questa offerta sta rivoluzionando la sicurezza degli espatriati. Come è possibile ?

È vero che ci sono già molte offerte sul mercato e l’idea era di non proporre un’altra offerta simile alle altre.

Finora i francesi alla partenza hanno dovuto scegliere tra due tipologie di contratto. I contratti espatriati invece sono a lungo termine, completi ma molto costosi perché la compagnia di assicurazione sostituisce quello che sappiamo in Francia con il duo Sécu + Mutuelle; Viceversa, contratti a tempo determinato della durata di 12 mesi, rinnovabili su richiesta, economici ma limitati a situazioni di emergenza e dove la compagnia di assicurazione non ha impegni a termine.

Spesso la seconda opzione è interessante quando vai all’estero per stabilirti all’estero perché è economico, ma è un grosso rischio: se ti succede subito qualcosa, la compagnia assicurativa pagherà le cure urgenti, ma non rinnoveranno il contratto dopo Quello. E forse anche terminarlo nel processo. Questo è normale, in quanto si tratta di un’assicurazione di viaggio a lungo termine.

Qual è il pericolo finale per l’arrivo?

Il pericolo è tornare in Francia perché poi non troverà una compagnia assicurativa per concludere un nuovo contratto, né in Francia né subito, perché contrariamente a quanto sappiamo con Sécu e le mutue assicurative, tutte le assicurazioni nazionali e la sanità internazionale rifiutano per assicurare le condizioni mediche che erano presenti prima dell’adesione.

READ  Le gilde CHU hanno lanciato l'allarme

Immagina la situazione, per un espatriato che ha venduto la sua proprietà in Francia e ha investito all’estero, o anche solo i costi sostenuti per il trasferimento, l’installazione. Se devi tornare dopo un anno, quanti soldi sono persi e i progetti hanno successo.

Come si distingue questo spettacolo?

È la combinazione perfetta tra un contratto economico temporaneo e un contratto in entrata a tutti gli effetti a lungo termine.

Da un punto di vista legale si tratta in realtà di un contratto di espatrio a lungo termine, e l’assicurato non ha il diritto di risolvere da solo il contratto dell’assicurato o di aumentare la sua tariffa se si ammala dopo l’adesione; Possono essere coperte tutte le tipologie di spese, degenza, medicina, ottica, odontoiatria, maternità; Ma l’assicurato può, per un periodo da 6 a 18 mesi, scegliere di operarlo come contratto a tempo determinato limitato alle emergenze. Quindi il suo contributo viene ridotto del 30% per il periodo prescelto.

Pertanto, il concorrente gode della garanzia del contratto entrante a lungo termine e del prezzo economico del contratto a tempo determinato.

Chi è esattamente la garanzia francese?

È un’offerta sviluppata dall’ufficio polinesiano di International-Santé.com, a 1lui è Uno strumento di confronto dell’assicurazione sanitaria in francese per espatriati e coloro che non sono riusciti a trovare un contratto di questo tipo sul mercato. Sono forniti dal Gruppo Generali, la compagnia assicurativa leader nel mondo, mentre i servizi di evacuazione e assistenza sono forniti da Vyv IA, erede di MGEN, che assicura migliaia di espatriati in tutte le scuole superiori francesi del mondo.

Questa offerta non è destinata ai francesi ma è soggetta al 100% alle normative francesi sull’assicurazione sanitaria. Ciò è particolarmente rassicurante per gli assicurati.

READ  Etude: L'inquinamento farmaceutico, una minaccia per la santità e l'ambiente