Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una stanca sopportazione della volatilità del mercato italiano: Mike Dolan

Molti sostengono che l’anno 2022 abbia inaugurato un’era di repressione dell’economia politica, che si tratti della volontà di pagare i debiti o della capacità di pagare, come multe e sanzioni legali, e cosa c’è sul petto.

La politica ovunque è come è stata per decenni, sottolineata dall’invasione russa dell’Ucraina, dalle nuove alleanze della Guerra Fredda, dalla cacciata di un primo ministro britannico e da un rimescolamento della leadership nel Regno Unito. Nuova situazione di stallo dopo le elezioni del Congresso USA di novembre.

La Roma drammatica non sembra così eccezionale in questo momento.

L’ultimo episodio della scena politica italiana – che, nel peggiore dei casi, vede le elezioni anticipate da sei a otto mesi – è familiare, anche se è ambientato sullo sfondo di uno shock energetico legato alla Russia, di una crescente inflazione globale e di forti grattacapi economici di conseguenza. – Priorità di investimento pandemiche.

Le sue dimissioni sono state respinte la scorsa settimana dal presidente italiano, il primo ministro Mario Draghi – che ha preso il timone di una coalizione nazionale 18 mesi fa tra gli applausi globali degli investitori – e mercoledì vedrà se potrà portare avanti lo spettacolo fino al giorno successivo. Maggio.

Le principali banche globali stimano che ci sia una probabilità del 30-50% che Draghi alla fine si dimetta e indichi elezioni anticipate questo autunno, poiché il bilancio annuale del governo è in fase di elaborazione, mentre i tassi di interesse nella zona euro stanno aumentando. Il gas russo si spegne in inverno.

Quindi è un momento difficile dirigersi verso le elezioni, soprattutto perché la Banca centrale europea è destinata ad annunciare il suo primo aumento dei tassi di interesse in più di un decennio questa settimana.

READ  Sony Colbrelli dall'Italia ha battuto Parigi-Roupox sul nostro connazionale Florian Vermeer

E i dettagli del meccanismo di protezione della trasmissione della BCE, provvisoriamente intitolato “Meccanismo di protezione della trasmissione” – volto a prevenire premi sui dividendi obbligazionari eccessivi e prestiti tra grandi creditori in euro come la Germania e paesi periferici indebitati come l’Italia. Almeno col tempo.

Nessuno dubita che gli investitori nervosi possano esacerbare una serie di problemi, dal controverso budget alla qualità degli asset bancari.

Lo spread di credito a dieci anni dell’Italia è quasi raddoppiato a 200 pb quest’anno, ma rimane quasi un punto percentuale al di sotto del suo picco nel 2018, per non parlare degli spread di oltre 500 pb di dieci anni fa.

E anche con tassi di prestito a 10 anni superiori al 3%, Fabio Faldoni, direttore degli investimenti multi-asset di Invesco, sottolinea che i nuovi titoli di rifinanziamento del debito italiano con cedole potrebbero raggiungere il 5% o più. “Dobbiamo vedere il rendimento a 10 anni per l’Italia andare al di sotto del 4% per iniziare il rifinanziamento primario”.

In poche parole, alcuni pensano che siamo tornati a una certa “crisi dell’Euro 2.0”, dove si annidano i timori della sostenibilità del debito, di una potenziale ristrutturazione o uscita dall’euro.

Anomalie “minori”.

Eric Nielsen, consulente economico di UniCredit, descrive le possibilità dell’Italia di uscire dall’euro come “scarse”, grazie al miglior funzionamento del sistema euro, che garantisce la possibilità esterna del debito intra-euro, come ha fatto la Grecia un decennio fa. Alcuni premi di prestito e valutazione del rischio.

“L’intero dramma, sebbene sia avvenuto circa tre o sei mesi prima di quanto mi aspettassi, era molto prevedibile”, ha detto il sig. Nielsen ha scritto. “La posizione politica dei partiti non sarebbe stata sorprendente viste le elezioni del prossimo anno”.

READ  Il prezzo del nuovo piano di sola voce di Apple Music è di $ 4,99 al mese

Sebbene un nuovo meccanismo di allentamento da parte della BCE sarà più difficile da attuare in un periodo di stretta monetaria rispetto all’apparente aumento della liquidità dell’ultimo decennio, le ragioni principali per placare gli investitori riguardo ai cumuli di debito italiano sono più fondamentali. .

Stefan Gruskamp, ​​chief investment officer di DWS, si è detto “cautamente ottimista” sull’Italia dopo un decennio di riforme politiche e piani di investimento dell’UE post-pandemia che fanno dell’Italia un beneficiario nazionale chiave.

“Per la prima volta dopo molti anni, sta iniziando a stimolare gli investimenti del settore pubblico, che – insieme alle riforme – dovrebbero sostenere le sue prospettive di crescita del PIL a lungo termine”.

“Rispetto ad altre economie dell’eurozona […] L’Italia sta iniziando a sembrare molto sana su molte misure”, ha aggiunto Gruskamp.

Con meno del 3%, i crediti deteriorati delle banche italiane sono scesi al livello più basso nel periodo dell’euro, mentre i bilanci delle famiglie e delle imprese italiane appaiono forti, ha affermato il CIO di DWS, aggiungendo che anche l’Italia è stata in grado di sfruttare il periodo. Bassi tassi di interesse per estendere le sue opportunità di prestito.

Ma, soprattutto, la sostenibilità del debito dipende dal mantenere il costo del debito pubblico al di sotto della crescita economica nominale, non reale, perché il “nominale” è la chiave del gettito fiscale. Il profilo dell’indebitamento resta soddisfacente poiché l’inflazione ha ridotto i tassi di crescita nominale a oltre il 7% negli ultimi due anni.

L’economista di Pickett Wealth Management Fred Ducrochet crede che le obbligazioni italiane subiranno sicuramente una certa pressione con l’evolversi della politica, ma afferma che Draghi dovrebbe uscire di scena prima o poi comunque nei prossimi nove mesi.

READ  Grease: un normale mortaio greco retrovede che traghetta gli italiani a feu

Ma Ducrozet aggiunge che la politica maschera dinamiche creditizie più positive. Uno di questi è che le vendite nette di nuovi titoli di Stato italiani dovrebbero essere negative nel corso dell’anno, poiché circa il 60% del finanziamento sovrano per il 2022 è già stato impegnato. Ben diversa è questa situazione di finanziamento netto. Gli acquisti netti di attività della BCE sono stati tagliati questo mese, un importante vantaggio per gli altri stati della zona euro e per l’Italia durante tutto l’anno.

La politica italiana e le crisi di mercato spesso vanno di pari passo, ma attenzione a non lasciarti trasportare.

L’autore è capo redattore finanziario e dei mercati di Reuters News. Tutte le opinioni qui espresse sono sue.