Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una sonda spaziale giapponese ha scoperto minerali che potrebbero aiutare a comprendere l’origine della Luna

Una sonda spaziale giapponese ha scoperto minerali che potrebbero aiutare a comprendere l’origine della Luna

tecnologia

I ricercatori giapponesi hanno annunciato lunedì che il primo rover giapponese ad atterrare sulla Luna è riuscito a catturare l’immagine di una roccia contenente un minerale chiamato olivina, che potrebbe aiutare a spiegare l’origine della stella.

Lo scorso gennaio lo SLIM (Lunar Exploration Intelligent Lander) è atterrato sulla superficie lunare, rendendo il Giappone il quinto paese al mondo a realizzare questa impresa.

Un team composto da scienziati dell’Università di Ritsumeikan e dell’Università di Aizu ha analizzato le immagini spettrali di dieci rocce riprese dalla fotocamera multi-banda della sonda. Hanno spiegato che i dati raccolti erano sufficienti per confermare la presenza di olivina in una di queste rocce.

L’olivina è il minerale principale del mantello terrestre, ma si ritiene sia presente anche nel mantello lunare, che copre il 90% della sua massa. Infatti, l’“impatto gigante”, che è l’ipotesi più accreditata sulla nascita della Luna, indica che la stella si è creata a seguito della collisione di un corpo celeste con la Terra.


La roccia più a sinistra sullo schermo (seconda fila dall’alto a sinistra) è quella che contiene olivina.

[Copyright The Jiji Press, Ltd.]

tecnologia
un atto
spazio
colore
Scoperta

READ  WhatsApp va enfin proponente le reazioni aux messaggi