Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una mafia italiana che correva da 20 anni è stata avvistata per strada

Un italiano in fuga da 20 anni è stato trovato morto in Spagna da una scena di strada

Scappa per 20 anni, prendi un flash e torna in prigione. Gioccino Camino, uno dei latitanti mafiosi più ricercati d’Italia, è stato arrestato e imprigionato la scorsa settimana alla periferia di Madrid. Almeno per un’organizzazione come l’indagine antimafia del Paese, a dir poco, dopo che è stata scoperta essere insolita.

Il 61enne è scappato dal carcere di Repubbia a Roma e ha vissuto in clandestinità come rivoltoso nel piccolo paese di 25.000 abitanti vicino alla capitale spagnola, Madrid. Si sposò lì e scambiò la sua vita da criminale per un uomo d’affari, in particolare gestendo un parrucchiere, un ristorante e un negozio di alimentari.

“Come mi hai trovato?” ⁇

Ma “Come mi hai trovato?” Sono passati dieci anni da quando ho chiamato la mia famiglia”, ha detto alla polizia il 17 dicembre, giorno del suo arresto. “Ti abbiamo visto su Google Maps”, ha affermato il poliziotto, mostrandogli una foto sfocata di se stesso in piedi davanti a un negozio di frutta e verdura nel 2018 sullo strumento di mappatura di Google.

“La foto ci ha aiutato a confermare l’indagine che stavamo crescendo in modo tradizionale”, ha detto il vicedirettore della Polizia antimafia italiana.

Membro del clan Stida, è stato condannato all’ergastolo per l’omicidio della mafia ribelle, Gioccino Camino, narcotraffico e Associazione mafiosa, ed è evaso dal carcere, utilizzando le riprese di un film. Fu arrestato per la prima volta nel 1984 e tornò in prigione nel 1998 fino alla condanna per omicidio. Potrebbe essere espulso alla fine di febbraio per non essersi presentato nel 2003.

READ  Italia-Inghilterra: fischia forte l'inno italiano prima della finale di Wembley