Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una folla che protesta per il prosciugamento di un fiume a Isfahan

Migliaia di persone si sono radunate venerdì nella città di Isfahan per protestare contro il prosciugamento di un famoso fiume nell’Iran centrale, in parte a causa della siccità che sta investendo il paese.

Centinaia di agricoltori hanno manifestato più volte dal 9 novembre in fondo a Xiande Road, ma questa è la prima volta che la manifestazione riunisce così tante persone nella terza città del Paese.

Migliaia di persone di Isfahan, contadini dell’est e dell’ovest della provincia, (…) si sono riuniti con una richiesta principale: far scorrere l’acqua nel fiumeE il giornalista televisivo di Isfahan, che ha trasmesso le immagini in diretta dei manifestanti, ha trasmesso le immagini.

L’acqua del fiume è stata rubata 20 anni fa” E “L’acqua dovrebbe tornareI manifestanti hanno cantato secondo queste foto.

L’est di Isfahan è diventato un deserto“,”La nostra acqua è tenuta in ostaggio“Stiamo ancora leggendo gli striscioni, secondo le foto pubblicate dai media iraniani.

I manifestanti erano su entrambi i lati del ponte Khaju, sotto il quale un tempo scorreva il fiume, così come su questa struttura del XVII secolo.

Passando anche sotto il famoso ponte Si-o-Sepol a Isfahan, Zayandeh-roud è in secca dal 2000, tranne che per alcuni brevi periodi. Se la siccità è vista come una delle ragioni, gli agricoltori stanno anche protestando per la deviazione del fiume da parte delle autorità per rifornire la vicina provincia di Yazd, che avrebbe accelerato la siccità.

“Problema Paese”

Per anni non c’era la volontà di risolvere i problemi di questo importante fiumeVenerdì, il giornalista televisivo si è lamentato.

READ  Un'auto parcheggiata nello stesso posto per 47 anni diventerà un'attrazione turistica | anormale

Di fronte al malcontento, il governo ha promesso di risolvere il problema.

Ho ordinato ai ministri dell’Energia e dell’Agricoltura di agire immediatamente per risolvere la questioneIl primo vicepresidente Mohamed Mokhber ha dichiarato in dichiarazioni televisive che il ministro dell’Energia Ali Akbar Mehrabian “si è scusato con tutti gli agricoltori per non essere stati in grado di fornire loro l’acqua di cui hanno bisogno per le loro culture”.Ai Ministeri dell’Industria e dell’Agricoltura è stato affidato il compito di affiancare il Ministero dell’Energia per ridurre i danni purtroppo subiti da alcuni agricoltori“, Ha aggiunto.

Il presidente Ibrahim al-Raisi aveva promesso lo scorso 11 novembre di risolvere il problema idrico a Isfahan, Yazd e Semnan nella stessa regione. Mercoledì, il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei ha descritto la questione come “problema del paese“Senza alludere alle manifestazioni”.Il problema dell’acqua diventerà un problema più grande nel mondo nel prossimo futuro.Ha avvertito, secondo una dichiarazione pubblicata sul suo sito ufficiale.

Siccità cronica da anni

Isfahan è una delle principali destinazioni turistiche dell’Iran. Situata nel centro storico della città, la piazza Naghsh-e Jahan è un patrimonio mondiale dell’UNESCO. Un paese arido, l’Iran ha sofferto per anni di siccità cronica, con conseguenti inondazioni regolari causate da una combinazione di erosione del suolo e precipitazioni in una forma o nell’altra.

A metà luglio, si sono svolte manifestazioni contro la carenza d’acqua nelle province del Khuzestan e del Lorestan (sud-ovest), che hanno provocato l’uccisione di quattro persone, secondo i media ufficiali. “Le persone hanno espresso la loro insoddisfazione e non possiamo biasimarliQuindi il sig. Khamenei ha dichiarato, mentre esortava i manifestanti a non fare il gioco dei “nemici” del paese che, ha detto, potrebbero approfittare della situazione.

READ  Hitler, SpongeBob, Topolino: l'Ue combatte l'epidemia di permessi sanitari fraudolenti