Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un metodo promettente per scoprire per la prima volta un buco nero in un giovane ammasso stellare

“Ci sono molti buchi neri nell’universo, ma non li conosciamo perché non possiamo vederli”, ha detto all’AFP Sarah Saracino, un’astrofisica dell’Astrophysical Research Institute dell’università, da Liverpool in Gran Bretagna.

Il loro colore nero riflette semplicemente il fatto che queste stelle sono, per definizione, invisibili. La sua forza gravitazionale, la forza che spinge l’uomo sulla superficie della Terra, è così forte che nemmeno la luce può sfuggire.

Possono essere rilevati indirettamente, dalla radiazione emessa ai loro limiti quando assorbono la materia, o dalle onde gravitazionali risultanti, ad esempio fondendo due buchi neri. E se non direttamente, allora quando la vicinanza del buco nero a una stella vicina interrompe l’orbita di quest’ultima.

Grazie a questa tecnica, il team guidato da Sarah Saracino ha scoperto un buco nero con una massa di circa 11 soli, situato nell’ammasso stellare NGC 1850 della Grande Nube di Magellano, una galassia “vicina” alla Via Lattea, circa 160.000 luce- anni di distanza. Questo “piccolo” buco nero distorce leggermente la sua stella vicina, che “pesa” cinque masse solari.

“Questa è la prima volta che ne abbiamo rilevato uno con questa tecnologia in un gruppo molto piccolo” al di fuori della nostra Via Lattea, afferma lo scienziato, il cui studio appare in Monthly Notice of the Royal Astronomical Society.

Per trovare l’uccello raro, gli scienziati hanno utilizzato il MUSE, uno spettrometro a largo campo, installato solo pochi anni fa sul Very Large Telescope dell’Osservatorio europeo meridionale (ESO) in Cile.

Sarah Sarachino spiega che la relativa giovinezza dell’ammasso – meno di 100 milioni di anni – è una risorsa, perché “c’è un tipo completamente diverso di buco nero, il che significa che si sono formati molto di recente”. Non hanno avuto il tempo di essere espulsi, “come con costellazioni di stelle molto antiche”, soprattutto per non interagire tra loro.

READ  Test Huawei Nova 9: ​​senza 5G è difficile da dimostrare