Giugno 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un ex dipendente di Google afferma che il panico dell’azienda sull’intelligenza artificiale è simile al fiasco di Google+ e che i progetti di intelligenza artificiale non sono basati sulle esigenze degli utenti


Scott Jenson, che ha lasciato Google il mese scorso dopo aver lavorato lì per 16 anni, ha espresso preoccupazione per i progetti di intelligenza artificiale a cui ha lavorato prima della sua partenza. Ha detto che il lavoro di Google nel campo dell’intelligenza artificiale è guidato dal “panico freddo” per l’essere lasciati indietro e ha paragonato l’ossessione dell’azienda per l’intelligenza artificiale al lancio di Google+ in risposta a Facebook. Crede che la visione di Google per l’intelligenza artificiale manchi di una vera motivazione per soddisfare le esigenze degli utenti. L’obiettivo di Google sarà quello di costruire un’intelligenza artificiale simile a Jarvis (Iron Man) e l’azienda avrà paura che qualcun altro lo faccia prima di loro.

Lanciato alla fine di novembre 2022, il chatbot basato sull’intelligenza artificiale è stato visto come una minaccia per il motore di ricerca dominante di Google e per le decine di miliardi di dollari che genera ogni anno. L’idea è stata sufficiente a provocare un grande panico in Google, e il mese successivo il CEO Sundar Pichai ha lanciato un allarme rosso affinché il suo team sviluppasse rapidamente una risposta ChatGPT. Solo due mesi dopo, all’inizio di febbraio 2023, Google ha lanciato la risposta di Bard, ChatGPT. Tuttavia, Bard ebbe un inizio difficile, segnato da stupidi errori, e sarebbe stato ribattezzato Gemini nel febbraio di quest’anno.

Secondo Scott Jenson, senior UX designer di Google che ha lasciato la posizione di senior UX designer a maggio, queste difficoltà possono essere spiegate dal fatto che il “lavoro nell’intelligenza artificiale” del colosso della ricerca è stato guidato dal panico freddo. Secondo il profilo LinkedIn di Jenson, il laureato di Stanford ha lavorato presso Google per circa 16 anni, in tre periodi separati. Ha detto che Google ha paura di restare indietro e crede che la soluzione sia integrare l’intelligenza artificiale in tutto. In un post su LinkedIn, ha affermato che questi progetti non erano focalizzati sui bisogni degli utenti, ma erano guidati dalla paura di essere lasciati indietro.

Jenson paragona l’attuale ossessione di Google per l’intelligenza artificiale alla reazione dell’azienda a Facebook 13 anni fa, che portò al fallimento di Google+. Lanciato nel 2011 per competere con Facebook e Twitter, è stato il quarto tentativo di Google di creare un social network. Ma la piattaforma non è riuscita a convincere le persone, anche dopo che Google ha forzato la situazione spingendola nella fiorente comunità di YouTube. Alla fine del 2011, gli analisti stavano già scrivendo i propri necrologi. Google ci crede da molto tempo e ha deciso di chiudere il sito solo dopo aver scoperto una violazione dei dati nel 2018.

READ  Test - Fae Farm: un gioco agricolo accessibile a tutti

Google+ è stato condannato fin dal primo giorno. Problemi con un’interfaccia utente ingombrante e mutevole, essendo l’ultimo driver per giganti come Facebook, un’esperienza utente sconnessa e voci di disaccordi interni su come gestire Google+ hanno tutti influenzato la piattaforma, ha affermato Matt Navarra, consulente di social media presso la BBC. È stato un enorme fallimento, poiché Google ha dovuto affrontare molti altri esperimenti in seguito, in particolare con esperimenti come Google Glass, Google Tango, Google Allo, Daydream, Google Lively e molti altri.

la citazione Pubblicato da Scott Jenson

I progetti di intelligenza artificiale su cui ho lavorato erano scarsamente motivati ​​e guidati dal panico che finché ci fosse stata l’intelligenza artificiale sarebbe stato fantastico. Questa miopia non è determinata dalle esigenze degli utenti. È un freddo terrore quello di essere lasciati indietro.

La visione è che ci sarà un aiutante simile a Tony Stark, simile a Jarvis, nel tuo telefono che ti blocca nel suo ecosistema così strettamente che non lo lascerai mai andare. Questa visione è pura erba gatta. Il timore è che non possano permettere a nessun altro di arrivare prima.

Questo è esattamente quello che è successo 13 anni fa con Google+ (c’ero anch’io per quel fiasco). La reazione è stata simile, ma su Facebook.

Durante il suo primo incarico, dal 2005 al 2011, Jenson ha gestito l’interfaccia utente mobile di Google. È poi tornato in Google nel 2013, dove ha trascorso più di otto anni concentrandosi sulla strategia di prodotto. L’ultimo e più breve mandato di Jenson presso Google è stato dall’aprile 2022 al marzo 2024, dove ha ricercato nuovi usi per la tecnologia touch di Android. Su LinkedIn, dopo che il suo post critico è diventato virale, Jenson ha ritwittato il suo post per chiarire che non era un “dirigente senior” di Google e che i progetti a cui stava lavorando erano piuttosto limitati.

Ha spiegato che il mio commento deriva più dalla frustrazione generale nei confronti dell’intero settore e del suo approccio all’intelligenza artificiale. Ma il suo resoconto esprime un punto di vista ampiamente condiviso nella comunità ed è coerente con le esperienze di altri ex dipendenti di Google, suggerendo che Google dà priorità al profitto rispetto alla qualità del prodotto, soprattutto nel caso della ricerca. Gli sforzi aggressivi di Google nell’intelligenza artificiale hanno portato a una perdita di fiducia da parte di utenti, SEO, inserzionisti, marchi e creatori di contenuti. La situazione comincia a far arrabbiare la gente.

READ  Quiz sul culto della gravidanza: fantastico simulatore di culto

Nel suo post, Jenson menziona anche i tentativi simili di Apple di bloccare gli utenti nell’ecosistema iOS incorporando l’intelligenza artificiale nel suo assistente Siri. Egli avverte che le aziende che si occupano di intelligenza artificiale senza una guida o una visione chiara rischiano di essere superate da coloro che pensano in grande. Inoltre, Apple non è diversa. Sta anche cercando di creare questo blocco AI con Siri. Quando l’imperatore “non avrà più vestiti, qualcuno che pensa in grande li supererà”, ha detto Jenson, che ha anche lavorato per 8 anni presso Apple come designer di interfacce utente.

Le dure critiche di Jenson arrivano mentre i giganti della tecnologia come Google e Apple corrono per raggiungere le startup di intelligenza artificiale come OpenAI. E le profonde tasche di Google e Apple, così come i loro precedenti investimenti nell’intelligenza artificiale, non hanno davvero permesso loro di assumere un vantaggio significativo nella corsa all’intelligenza artificiale. In effetti, i dirigenti Apple hanno trascorso settimane a testare ChatGPT prima di rendersi conto che dovevano aggiornare il loro assistente digitale Siri. Inoltre, secondo Bloomberg, Apple sta per stringere una partnership con OpenAI.

L’accordo dovrebbe consentire l’integrazione di ChatGPT nella prossima versione di iOS. Ma nonostante il suo potenziale, l’intelligenza artificiale non è ancora in grado di mantenere le sue promesse. Google ha rivelato molti progetti di intelligenza artificiale all’evento I/O 2024, ma la maggior parte di questi progetti sono ancora in fase beta, disponibili solo per un numero limitato di utenti, o non saranno disponibili fino alla fine dell’anno. Non è ancora chiaro quale valore questi progetti apporteranno agli utenti o se saranno utili. Secondo Google, funzionalità come il riconoscimento della grafia in Gmail o Google Docs sono già disponibili.

Tuttavia, non è chiaro se gli utenti lo utilizzino o lo trovino utile. Potresti ricordare la voce artificiale di Google “Duplex” che ha causato il flusso di molto inchiostro e quale Doveva farlo Automatizza tutte le telefonate e i call center fastidiosi. Questo accadde nel 2018. Da allora abbiamo visto cosa è successo. Un ottimo esempio dell’approccio aggressivo di Google è la sua funzionalità di anteprima AI, che genera riepiloghi per rispondere direttamente alle query di ricerca con informazioni provenienti da tutto il Web. Con tutto ciò possiamo evidenziare il seguente punto:

I prodotti non dipendono dalle esigenze degli utenti

READ  Sorprendentemente: Boeing non riparerà la perdita sullo Starliner prima del decollo

Le critiche di Jenson fanno eco ai commenti che descrivono la conferenza degli sviluppatori Google I/O di quest’anno come la più noiosa di sempre. I critici criticano Google per non aver spiegato come la nuova tecnologia AI di Gemini si adatterà ai suoi prodotti esistenti e migliorerà l’esperienza dell’utente.

Google deve affrontare diverse controversie sulle anteprime dell’intelligenza artificiale

La funzione Riepilogo AI di Google, che crea riepiloghi per rispondere direttamente alle query di ricerca inserendo informazioni da tutto il Web, ha portato a battaglie legali. Gli editori accusano Google di violare i diritti di proprietà intellettuale e di trarre vantaggio ingiusto dai loro contenuti senza autorizzazione.

Crescono le tensioni sull’uso dei dati

La controversia sulle anteprime dell’intelligenza artificiale sta creando tensione tra le aziende tecnologiche e i creatori di contenuti sull’uso dei dati online per la formazione sull’intelligenza artificiale. Gli editori affermano che i riepiloghi AI di Google possono attirare traffico dai siti Web.

Pertanto, l’intelligenza artificiale minaccia le fonti di reddito dei creatori indipendenti, che fanno affidamento su riferimenti di ricerca. La discussione riflette la necessità di aggiornare i quadri per bilanciare l’innovazione con un giusto compenso per i creatori di contenuti e il mantenimento di un ecosistema Internet aperto e sostenibile.

Fonte: articolo del blog

E tu?

qual è la tua opinione su questo argomento?

Cosa ne pensate delle critiche di Scott Jenson ai progetti di Google nel campo dell’intelligenza artificiale?

L’attenzione di Google sull’intelligenza artificiale è una tendenza pericolosa?

Cosa ne pensi delle recenti funzionalità di intelligenza artificiale che Google ha integrato nel suo motore di ricerca?

Rende il motore di ricerca più utile? Oppure sminuisce l’esperienza di ricerca tradizionale?

Cosa ne pensi del paragone di Scott Jenson tra l’ossessione di Google per l’intelligenza artificiale e il fallimento di Google+?

Guarda anche

Google emette un avviso rosso ai suoi team per sviluppare un concorrente ChatGPT e AI che minaccia il suo motore di ricerca e le posizioni degli sviluppatori IT umani.

I dipendenti di Google criticano il CEO Sundar Pichai per il suo annuncio frettoloso e frettoloso del concorrente di ChatGPT Bard. Alcuni non sapevano nemmeno che sarebbe stato lì

Google annuncia miglioramenti a Gemini 1.5 Pro e un nuovo modello 1.5 Flash, simile al GPT-4o recentemente presentato da OpenAI, progettato per la velocità e utile per le conversazioni in tempo reale