Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un esperimento unico di Albert Einstein è stato scoperto nelle riserve del museo vicino a Lione

Un esperimento unico di Albert Einstein è stato scoperto nelle riserve del museo vicino a Lione

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

Dopo diversi anni di ricerca, due membri del Museo Ampere hanno scoperto un oggetto unico che Albert Einstein utilizzò per un esperimento condotto dal fisico André-Marie Ampere di Lione.

Le Figaro Leon

Alfonso San Miguel e Bernard Ballander, entrambi volontari del Museo Ampere di Polemaux o Mont d'Or (nella città di Lione), hanno fatto una scoperta insolita. Nei santuari di questo luogo dedicati al famoso fisico lionese André-Marie Ampère, i due uomini scoprirono l'unica copia completa e originale dell'esperimento da lui condotto nel 1915. Albert Einstein Wonder de Haas sul lavoro molecolare di Ampere, che ha aiutato a comprendere il movimento degli elettroni attorno al nucleo degli atomi.

Il fisico Alfonso San Miguel fa volontariato in questo luogo culturale e scientifico nella parte occidentale di León. Ben presto si imbatté nel lavoro di Einstein sulla “Prova sperimentale dell'esistenza di correnti molecolari di Ampere”. Sul posto, lui e il curatore del museo Bernard Palander si resero conto che l'oggetto descritto nell'articolo di Einstein era stato oggetto di un lascito al museo da parte della famiglia de Haas. Problema, è impossibile trovare il manufatto. “Abbiamo esaminato bollettini e documenti di quel periodo per rintracciarlo. Solo un anno fa, Bernard trovò una foto di Einstein con l'oggetto. Finora ci siamo affidati ai diagrammi presenti nell'articolo. Ma nella foto ci siamo resi conto che era diverso. Il giorno dopo ci siamo ritrovati al museo e l'abbiamo preso», affidato a Figaro ricercatore. “Momento incredibile», prosegue quest'ultimo.

Presto fu esposto nel museo

Questo oggetto, tratto da una pubblicazione scientifica del fisico più famoso, fu anche l'unico lavoro sperimentale da lui stesso svolto, quando lo scienziato era più abituato agli esperimenti teorici. “Lavorava agli esperimenti ma offriva sempre ad altri di realizzarli. Questo è l'unico a cui ha partecipato personalmente. In una lettera inviata all’amico Michel Besso scrive: “Scopro la gioia della sperimentazione”.“, dice Alfonso San Miguel. Un esperimento condotto nel 1915, anno in cui Albert Einstein pubblicò il suo articolo sulla relatività generale.

READ  Antimicrobico: uccide più HIV/AIDS o malaria

Il pezzo ritrovato sarà esposto a metà aprile al Museo Ampere. Ma non si tratta di riutilizzarlo per riprodurre l’esperienza. “Il nostro museo è stato fondato sul principio di dimostrare la scienza pubblica attraverso esperienze interattive. In teoria potremmo ripetere l'esperienza di Ampere con questo manufatto, ma è così prezioso che non osiamo associarlo. D'altra parte, abbiamo realizzato una versione utilizzando le apparecchiature esistenti in modo che le persone possano capirne il funzionamento, che verrà introdotta anche questa in primavera», conclude il ricercatore. Un articolo su questa scoperta preziosa per il fisico sarà presto pubblicato sulla rivista Notizie europee di fisica .