Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Umorismo e armi”: un esercito virtuale di sostenitori ucraini al “vertice” di Vilnius | La guerra in Ucraina

“Umorismo e armi”: un esercito virtuale di sostenitori ucraini al “vertice” di Vilnius |  La guerra in Ucraina

Unendo umorismo, cinismo e serietà, un gruppo di netizen che sostengono l’Ucraina sui social network e si identificano come NAFO ha organizzato il proprio vertice in una discoteca a Vilnius, due giorni prima del vertice dei leader della NATO.

Con decine di migliaia di netizen che hanno donato all’Ucraina, North Atlantic Fella – North Atlantic Men’s Organization, abbreviato in NAFO – ha un talento nell’usare meme contro la propaganda russa, con una magistrale arte del sarcasmo e del sarcasmo.

I fondatori della NAFO utilizzano il popolare meme Doge, che presenta un cane Shiba Inu, per creare avatar personalizzati per i donatori, consentendo loro di identificarsi come membri della NAFO. «Abbiamo raccolto tra i 15 ei 20 milioni di dollari», conferma Paul Peterson, co-fondatore di NAFO e camionista americano, senza poter dire l’importo esatto. Su Twitter, dove l’account NAFO ha più di 108.000 follower, e su altre piattaforme di social media, la comunità usa l’umorismo per contrastare le narrazioni russe.

“umorismo e armi”

Sabato, più di 100 persone hanno partecipato al Vertice NAFO in discoteca. Kirsty Harris, un’operatrice sanitaria britannica di 47 anni, ha ottenuto il suo avatar Doge a luglio. È diventata più attiva su Twitter dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina lo scorso anno.

“Sono stata bandita (su Twitter, ndr) dall’ambasciata russa a Londra per averli chiamati istigatori del genocidio ogni giorno per circa due mesi”, ha detto ad AFP. La signora Harris in seguito ha adottato un approccio più umoristico, dicendo: “Se li fai sembrare stupidi, tende a farli arretrare un po ‘”.

READ  Omicron lo ha colpito prima del Belgio, la Danimarca vede i suoi numeri salire di nuovo .. Come lo spieghiamo?

Mark Adam Harold, un attivista britannico che vive in Lituania e ha organizzato il “vertice”, ritiene che “l’umorismo e le armi” siano gli unici modi per affrontare “l’assurdità” della Russia. “La propaganda che stanno diffondendo è così folle che se provi a discuterne, non c’è modo di fermarla”, ha detto Harold ad AFP. Ha aggiunto: “Se stanno diffondendo queste ridicole sciocchezze, l’unico modo per rispondere è essere anche ridicolo”. “Questo non è uno scherzo.”

In un recente tweet, vediamo una foto del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov con una frase fittizia sulle bombe a grappolo che gli Stati Uniti consegneranno a Kiev: “Ma come osa l’Ucraina usare le armi che usiamo contro i civili contro i nostri stessi soldati?”.

“Non stai scherzando”

L’iniziativa NAFO non è passata inosservata alla classe politica ucraina e agli Stati membri della NATO. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha consegnato alla NAFO una targa speciale in riconoscimento dei loro sforzi, e un tweet del ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov a sostegno della comunità ha contribuito a darle slancio l’anno scorso.

Il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis ha partecipato al “vertice” di Navu e si è rivolto ai partecipanti. “Sei divertente, ma non sei uno scherzo”, ha detto al pubblico. Ha aggiunto: “La vostra società è un esempio dell’ingegnosità e dell’ingegnosità delle persone libere di associarsi ed esprimersi in un sistema democratico, e questa è la forza del nostro sistema”.

Contrastare la disinformazione russa “richiede umorismo, arguzia ed entusiasmo”, ha affermato il primo ministro estone Kaja Kallas, ammirato anche dalla comunità della NAFO. “Dietro ogni uomo c’è una persona reale, che offre volontariamente il tuo tempo e la tua energia perché credi che l’Ucraina possa vincere”, ha detto al pubblico in un messaggio preregistrato. “Continua a combattere, perché l’espansione della NAFO non è negoziabile”, ha incoraggiato.

READ  La guerra in Ucraina porterà a una ripresa del consumo di carbone?