Maggio 17, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina: gli Stati Uniti rifiutano di scrivere una richiesta chiave della Russia, ma cercano un “metodo diplomatico”

Gli americani e la NATO hanno consegnato simultaneamente due lettere separate ai russi, chiedendo una risposta scritta alla bozza di trattati che hanno inviato in Occidente.

Lo stesso mercoledì, Washington ha affermato di aspettarsi un possibile attacco delle forze russe entro “metà febbraio”, mentre un incontro di inviati russi e ucraini sul conflitto in corso nell’Ucraina orientale a Parigi ha portato a un raro impegno congiunto per mantenere un cessate il fuoco.

Il vicesegretario di Stato americano Wendy Sherman ha affermato che “tutto indica che il presidente russo Vladimir Putin” utilizzerà la forza militare ad un certo punto, forse da qui a metà febbraio”. Ha osservato che l’apertura delle Olimpiadi di Pechino il 4 febbraio potrebbe influire sulla sua “programma”, Per evitare di offendere il presidente cinese Xi Jinping durante questo grande evento per la Cina.

La tensione è aumentata costantemente negli ultimi mesi, con l’Occidente che ha accusato Mosca di dispiegare più di 100.000 soldati al confine ucraino per un possibile attacco. Da parte sua, la Russia chiede garanzie sulla sua sicurezza, compreso il rifiuto dell’adesione di questo paese alla NATO.

“Porta aperta”

Gli americani e l’Alleanza Atlantica hanno consegnato mercoledì due lettere separate ai russi, chiedendo una risposta scritta alla bozza di trattati che hanno inviato agli occidentali a metà dicembre.

Tuttavia, gli Stati Uniti hanno “chiaramente dichiarato” di difendere il “principio della porta aperta della NATO”, ha affermato il capo della diplomazia statunitense Anthony Blinken. In altre parole, non c’è dubbio sull’impegno solenne di non permettere all’Ucraina di aderire all’alleanza.

READ  Invasione dell'Ucraina: TUI Belgio ha cancellato tutti i voli per la Bulgaria fino alla fine di giugno

E il Segretario di Stato americano ha rinnovato gli avvertimenti occidentali di una risposta senza precedenti contro la Russia in caso di invasione del paese vicino.

Ma ha sottolineato che questo messaggio degli Stati Uniti offre un “serio canale diplomatico se la Russia lo desidera” e si è detto pronto a parlare di nuovo “nei prossimi giorni” con il suo omologo russo, Sergei Lavrov.

Il governo Usa propone di rilanciare negoziati formali sul “controllo degli armamenti” e di discutere “misure di trasparenza reciproca” su “posizioni militari” ed “esercitazioni militari” in Europa.

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg riassume: “Stiamo comunicando di nuovo con la Russia per cercare di seguire la strada del dialogo (…) ma ci siamo anche preparati al peggio”.

La Russia prenderà questa mano tesa o considererà il rifiuto delle sue principali richieste una causa di guerra?

“È un arbitrato che sarà gestito dallo stesso Putin”, ha affermato Marie Dumoulin del Consiglio europeo per le relazioni estere, un think tank. “Nessuno, nemmeno all’interno del sistema russo, sa in quale direzione prendere la decisione”.

Il viceministro degli Esteri Alexander Grushko ha detto a Interfax che la diplomazia russa ora studierà la risposta occidentale, osservando che il campo dell’opposizione “ha impiegato quasi un mese e mezzo per analizzare” le richieste di Mosca.

Contemporaneamente a questo passo decisivo, i negoziatori russi e ucraini, incontrando a Parigi i mediatori francesi e tedeschi, hanno affermato in un comunicato stampa congiunto il loro “rispetto incondizionato del cessate il fuoco” tra le forze ucraine e i separatisti filorussi nell’est del Paese. L’Ucraina promette di incontrarsi di nuovo “a Berlino tra due settimane”.

READ  de nouveaux indices sul principale sospettato, Christian B!

L’inviato speciale russo Dmitry Kozak ha stimato che le discussioni “non sono state facili”, sperando in “risultati” a febbraio. E il negoziatore ucraino Andrich Ermak ha accolto favorevolmente questo “primo documento importante su cui siamo riusciti a concordare da dicembre 2019”.

La Francia ha salutato un “buon segnale” dai russi per il “reimpegno” nonostante le “condizioni difficili”, in vista dell’incontro previsto per venerdì tra il presidente francese Emmanuel Macron e Vladimir Putin.

“Via di guerra”

Per rafforzare il senso della possibilità di un’esplosione imminente, mercoledì Washington ha esortato i suoi cittadini in Ucraina a “considerare di partire ora” per “evitare di cadere” in una zona di conflitto.

L’opposizione Sergey Lavrov ha promesso una “risposta necessaria” se l’Occidente avesse continuato su questo “percorso simile a una guerra”, denunciando “l’isteria” occidentale per l’imminente intervento militare russo in Ucraina.