Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina: bombardamento della centrale nucleare di Zaporizhia, “rischio fuoriuscita di idrogeno e sostanze radioattive”

Kiev e Mosca si accusano a vicenda di aver effettuato operazioni di bombardamento nei pressi del complesso.

Tempo di lettura: 2 minuti

ioSabato la Corporazione statale ucraina ha avvertito del pericolo di “spruzzare materiali radioattivi” nella centrale nucleare ucraina di Zaporizhia, occupata dalle forze russe.

Secondo Energoatom, le forze russe hanno bombardato il sito “ripetutamente nell’ultimo giorno”. “A seguito dei bombardamenti periodici, l’infrastruttura dell’impianto è stata danneggiata e vi sono rischi di fuoriuscita di idrogeno e irrorazione di materiale radioattivo”, ha detto a Telegram la compagnia nucleare ucraina, aggiungendo che c’era un “alto rischio di incendio”.

Secondo l’operatore, da sabato mezzogiorno ora locale l’impianto “funziona con il rischio di violare le norme di sicurezza in termini di irraggiamento e incendio”.

accuse reciproche

La Russia, da parte sua, ha accusato l’Ucraina di aver bombardato Zaporizhia nelle ultime 24 ore. Il ministero della Difesa russo ha confermato, in un comunicato, che l’artiglieria ucraina ha sparato 17 proiettili nelle vicinanze della centrale elettrica, la più grande d’Europa.

“Quattro (proiettili) sono atterrati sul tetto dell’edificio speciale 1, dove si trovano 168 gruppi di combustibili nucleari statunitensi appartenenti alla WestingHouse”, ha detto, aggiungendo che i restanti proiettili si sono schiantati a 30 metri dal suolo. Un deposito di carburante usato e uno vicino contenente “carburante fresco”.



Secondo l’esercito russo, l’esercito ucraino sta sparando dalle vicinanze della città di Merhanit, di fronte alla fabbrica, sulla sponda opposta del fiume Dnepr, che è ancora controllata da Kiev. L’AFP non è stata in grado di verificare queste affermazioni da una fonte indipendente.

READ  È morto in Italia il presidente del Parlamento europeo David Sassoli