Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina: bombardamenti “continui” della regione di Donetsk, nuovi aiuti Usa per come

“L’intera linea del fronte è sotto costante bombardamento”, ha detto venerdì sera il governatore regionale Pavlo Kirilenko. “Hanno continuato a bombardare Donetsk… con le forze aeree bombardate, Sloviansk bombardata giorno e notte, Kramatorsk…” ha aggiunto in Telegram.

All’inizio della giornata, il signor Kirilenko ha riportato sei morti e 21 feriti in 24 ore nel bombardamento della zona.

Secondo lui, l’esercito russo “sta per riorganizzarsi, o meglio per ricostituire i suoi gruppi e prepararsi per nuovi movimenti a Sloviansk, Kramatorsk e Bakhmut”.

E nella regione di Kharkiv (nord-est), la seconda città più grande del paese, i bombardamenti russi hanno ucciso quattro civili e ferito altri nove entro 24 ore, ha affermato il governatore Oleg Senegubov.

Secondo un alto funzionario del Pentagono, i nuovi 400 milioni di dollari in assistenza militare statunitense – che include quattro sistemi missilistici multipli HIMARS e proiettili da 155 mm – miglioreranno le capacità dell’Ucraina di prendere di mira i depositi di armi e di armi dell’esercito russo e la catena di approvvigionamento.

Grazie ai primi otto HIMAR consegnati il ​​mese scorso, gli esperti militari stimano che l’esercito ucraino sia stato in grado di distruggere più di una dozzina di depositi di munizioni russi installati dietro la linea del fronte nell’est del Paese.

Washington ha già fornito 6,9 miliardi di dollari in aiuti militari a Kiev dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio.

‘distruggere le colture’

Bombardando la regione di Donetsk, dove continuano le evacuazioni civili, Mosca sta cercando di impadronirsi dell’intero bacino del Donbass, che è stato il suo obiettivo strategico sin dal suo ritiro dalle vicinanze di Kiev alla fine di marzo.

Secondo il governatore della regione, anche l’esercito russo ha iniziato a bruciare i raccolti: “Ci sono fitti incendi nei campi causati deliberatamente dal nemico. Stanno cercando di distruggere i raccolti con tutti i mezzi. Bombardano macchine agricole e mietitrebbia. . .. ”, ha accusato.

READ  Attivista belga spiata

L’invasione russa dell’Ucraina, considerata uno dei panifici del mondo, ha fatto aumentare significativamente i prezzi dei generi alimentari e ha contribuito all’aumento dell’inflazione globale.

Venerdì, i partecipanti a una riunione ministeriale del G20 in Indonesia “hanno espresso la loro profonda preoccupazione per le conseguenze umanitarie della guerra” in Ucraina, secondo il capo della diplomazia indonesiana Retno Marsudi.

Ha sottolineato che l’impatto della guerra “si fa sentire in tutto il mondo, su cibo, energia e budget”. Come al solito, i paesi poveri e in via di sviluppo sono i più colpiti”.

Sebbene il G-20 non abbia condannato all’unanimità l’invasione russa, gli occidentali hanno comunque ritenuto di essere riusciti ad espandere il fronte contro la Russia e ad assegnarle chiaramente la responsabilità della guerra e delle crisi energetiche e alimentari globali che ha causato.

Di fronte a un torrente di condanne occidentali, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha lasciato la riunione di questo pomeriggio, alla quale ha partecipato anche il suo omologo americano Anthony Blinken.

Era la prima volta dall’inizio della guerra a febbraio che i due uomini si incontravano, ma il segretario di stato americano si rifiutò di incontrarsi separatamente con la sua controparte russa e Lavrov rispose che Mosca non avrebbe correre dietro a Washington per colloqui.