fbpx
Attualità EVIDENZA Salute

Tutti al mare, ma… occhio ai raggi solari

raggi solari

Dopo mesi di grigiore, sogniamo tutti una pelle dorata, baciata dal sole

Tuttavia occorre prudenza, perché l’eccessiva esposizione al sole e soprattutto senza utilizzare le dovute accortezze e protezioni ci mette a rischio

Per questo AIRC, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, sottolinea l’importanza della prevenzione e della corretta esposizione ai raggi solari. I raggi ultravioletti UVA e UVB contribuiscono alla formazione dei tumori della pelle. In particolare l’esposizione ai raggi UV raddoppia il rischio di sviluppare un melanoma cutaneo.
Il melanoma è un cancro maligno della pelle ed è uno dei principali tumori che insorgono in giovane età: in Italia è il terzo tumore più frequente sotto i 50 anni, sia per gli uomini che per le donne (Fonte dei dati: AIOM e AIRTUM).

Si stima che nel 2017 in Italia 14.000 persone, 7.300 uomini e 6.700 donne, abbiano ricevuto una diagnosi di melanoma della cute, che rappresenta il 3% di tutti i tumori. Il rischio di sviluppare un melanoma cutaneo è elevato sia negli uomini (se ne ammala 1 su 63) sia nelle donne (1 su 81). Purtroppo questi numeri sono in costante aumento: l’incidenza cresce ogni anno del 4,4% nella popolazione maschile e del 3% in quella femminile.

I segnali che non vanno trascurati

Innanzitutto “osservarsi” e se si nota qualche anomalia sul proprio corpo, occorre rivolgersi al medico per un controllo: asimmetria della macchia; bordi irregolari e frastagliati; colore della macchia molto scuro o con diverse gradazioni; dimensioni superiori ai 6mm o in aumento; evoluzione nell’aspetto di una macchia, come un neo che da liscio diventa rugoso o comincia a prudere o a sanguinare.

I bambini sono più soggetti ai rischi di un’eccessiva esposizione al sole perché tendono a giocare a lungo all’aperto e la loro pelle è più delicata di quella degli adulti. Per questo bisogna proteggerli dal sole in modo adeguato

Neonati: i bebè sotto i sei mesi di vita non dovrebbero essere mai esposti alla luce diretta del sole: per questo le creme protettive non sono consigliate in questa fascia di età. Vanno usate solo quando ci si trova accidentalmente in condizione di non poter proteggere il piccolo, che altrimenti andrebbe sempre tenuto all’ombra, anche mentre si è a passeggio, tramite ombrellini montati su carrozzina e passeggino. Questa regola non vale solo per la spiaggia, ma anche in città.

Bambini: i piccoli amano giocare nell’acqua o sulla battigia, per questo, nel corso della giornata, andrà ripetuta più volte l’applicazione di prodotti particolarmente adatti a pelli sensibili, senza scendere mai sotto il fattore 15 di protezione. Meglio insistere perché tengano il cappello e gli occhiali da sole. Questi però non devono essere considerati come giocattoli, ma piuttosto come strumenti di protezione che devono proteggere almeno dal 99% dei raggi UV-A e UV-B. Per quelli con la pelle più delicata esistono oggi particolari indumenti protettivi che filtrano i raggi del sole ma lasciano traspirare e si asciugano rapidamente, per cui possono essere indossati anche durante il bagno. Per evitare danni alla pelle va comunque messo un limite alle ore trascorse al sole.

Ragazzi: col passare degli anni bisogna abituare i ragazzi a mettersi da soli la crema, prima di uscire e ogni due ore, soprattutto se praticano sport, specie quelli acquatici. Particolare cautela richiede la pelle continuamente esposta ai riflessi dell’acqua di chi va in surf, in canoa o in barca a vela. In questi casi meglio ricorrere agli indumenti protettivi prodotti con i tessuti tecnici più moderni.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi