Cronaca EVIDENZA Salerno

Truffe agli anziani in Costiera Amalfitana: un uomo finisce ai domiciliari

truffe agli anziani

Truffe agli anziani, con il solito stratagemma di un pacco da consegnare. Un uomo finisce agli arresti domiciliari

I Carabinieri della Compagnia di Amalfi hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai danni di un uomo, accusato di truffe agli anziani.

Il soggetto è finito agli arresti domiciliari con l’accusa di truffa aggravata ai danni di un’anziana. Le indagini sono partite nello scorso mese di settembre, a seguito della denuncia presentata da una donna 83enne originaria di Scala.

Il modus operandi dei malviventi è quello già scoperto in numerose altre indagini: il noto sistema della consegna di un pacco ordinato da un fantomatico nipote. Il malvivente si è avvalso della collaborazione di altri due complici, un uomo e una donna. Quest’ultima al telefono riferiva all’anziana che il nipote aveva bisogno di un prestito per acquistare un computer.

Il secondo complice al telefono si spacciava per il nipote, rassicurando l’anziana sulla veridicità dell’acquisto e chiedendole l’anticipo del denaro. Solo in seguito il malvivente arrestato entrava in azione, incontrando la vittima nella piazzetta del paese e ricevendo una cospicua somma in contanti.

Dopo pochi istanti, il sedicente nipote richiamava la donna, invitandola a consegnare all’amico anche i suoi monili in oro in cambio di un ulteriore pacco. Il reo, ottenute collane e bracciali, di notevole valore economico oltre che affettivo (tra i 7.000 ed i 10.000 euro), si allontanava a bordo della propria vettura. Passate alcune ore, la signora apriva i pacchi ricevuti, trovandovi all’interno due risme di carta e due bilance elettroniche di scarso valore.

Le indagini che hanno permesso di individuare il malvivente

I Carabinieri hanno esaminati i filmati degli impianti di videosorveglianza, pubblici e privati. Grazie questi sono dunque riusciti a individuare la targa dell’auto utilizzata dal truffatore. Questi è stato “inchiodato” dalle impronte sugli oggetti ritrovati nei pacchi. La vittima lo ha anche riconosciuto dalle foto mostrate dai Carabinieri.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi