Gennaio 24, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tre belgi nell’equipaggio della stagione 13


Un ritorno a “Top Chef” è imminente. Dopo la dodicesima stagione segnata dalla vittoria di Muhammed Al Sheikh, il maggiore generale Helen Drews, il cooking show di RTL-TVI promette belle sorprese nella sua prossima edizione, la cui data di messa in onda è ancora tenuta segreta. Il quartetto di giudici ha una nuova recluta quest’anno, Glenn Vail, la più giovane star del trio in Francia da gennaio 2020. Lo chef 41enne si è detto “orgoglioso” di entrare a far parte della giuria insieme a Helen Darroes, Philippe Echebest e Paul Hussband .

Nelle immagini svelate in conferenza stampa, Glenn Feil si impone con la sua comodità e il suo forte temperamento, quasi dimenticando Michel Saran, il suo predecessore. “Non ho fatto domanda. Ho partecipato a diversi spettacoli l’anno scorso e mi sono davvero divertito a partecipare al programma. Quando a fine luglio ho ricevuto una telefonata che mi chiedeva di entrare a far parte della giuria, non ho esitato a lungo prima di accettare. Ho colto l’occasione perché Top Chef sta avendo Con grande rispetto. Il più grande chef del mondo accetta di partecipare. Il nuovo membro dice “Sono stato accolto con tanta gentilezza”.

Non sorprende che nessuno tornerà a cacciare il non una volta chiamato Michel Saran. “È la novità che guida il programma”, scivola Philippe Echbiest, prima di continuare: “Glenn è perfettamente integrato nel set. C’è un ottimo rapporto tra noi. È vero che la buona intesa tra Glenn Vail e il resto del gruppo, incluso con Stefan Rothenberg, ha portato all’esplosione dello schermo”. Glenn ha mangiato anche più velocemente di Paul Perrett”, un presentatore licenziato in modo umoristico il cui entusiasmo non sembra svanire dopo tutti questi anni al timone di Top Chef.

READ  Qui inizia tutto Spoiler: Maxime decide di abbandonare il concorso (video)

Candidati colorati…

In questa stagione, gli spettatori potranno scoprire 15 amati candidati determinati a superare in astuzia se stessi per la vittoria. Tra questi, tre belgi tra cui Liegi, ma anche cittadini francesi dalla personalità unica come Sebastien e il suo senso dell’umorismo, o Thibault, o un seguace di una cucina sostenibile e rispettosa dell’ambiente, o ancora Mikael che è arrivato con una maglietta che aveva una scritta sul retro: “Fat is life” !” “La mia cucina è cattiva ed eccitante allo stesso tempo”, sottolinea il giovane.

“Questi giovani dimostrano che la gastronomia francese ha ancora un brillante futuro davanti a noi. Abbiamo incontrato candidati con un background personale e professionale unico”, afferma Paul Perret. Da parte sua, Helen Drew è rimasta stupita dalla coesione del gruppo. Ho avuto molte domande prima le riprese sono iniziate. Era la scorsa stagione. Ottimo per una serie di motivi, il più importante dei quali è sicuramente che i concorrenti vivevano nel vuoto. Il gruppo era unito e comprensivo. Temevo di non ritrovare mai più la stessa intesa. Il le stagioni passano e non sono le stesse, ma quest’anno il gruppo ha mostrato più solidarietà. Ad esempio, durante la finale, terminata proprio dalle riprese, uno dei finalisti si trovava in una situazione difficile, poi un altro candidato ha lasciato il suo business plan per vieni a sostenerlo. Dice che è incredibile.

… e ospiti illustri!

Grandi nomi del mondo culinario francese e internazionale prenderanno parte a questa avventura. Fisici, come Yannick Alleño, Anne-Sophie Beck o Pierre Gagnaire, ma anche nuove personalità come la britannica Claire Smith, tre stelle al suo attivo, Oriol Castro ed Edward Zatroch, gli chef spagnoli del ristorante due stelle Desproutar di Barcellona, ​​Dominica Ancel, pasticcere Il francese espatriato a New York che immagina i “dolci viventi”, Mike Bagll, l’inventore del “cibo galleggiante”, o Rasmus Monck, lo chef prodigio danese che padroneggia l’arte della provocazione come nessun altro. “Abbiamo pianificato eventi destabilizzanti, improvvisi e completamente trasformativi in ​​cui abbiamo messo davvero il punto sui candidati”, aggiunge Stefan Rottenberg. Ma lasciate che i fan di “Top Chef” stiano tranquilli, ci saranno anche concorsi simbolici per la competizione, come “La Guerre des Restos”, “La Boîte Noire” o “Le Trompe L’oeil”. A presto su RTL-TVI!