Dicembre 1, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tre anni e mezzo di carcere per l’ex nazionale italiano, compresa la Juventus


L’ex nazionale italiano Fabrizio Micoli, ex attaccante del Palermo che ha giocato per la Juventus, è stato condannato a tre anni e mezzo di carcere per estorsioni di denaro a un’organizzazione mafiosa, si apprende mercoledì da una fonte giudiziaria.

La sentenza è stata confermata dalla Corte di Cassazione martedì sera del 2017 e confermata per la prima volta in appello nel gennaio 2020 nei confronti di un ex giocatore internazionale dieci volte nel 2003 e nel 2004.

Il tribunale ha confermato mercoledì all’AFP che “la sentenza in appello è definitiva perché l’appello di Mikoli è stato respinto”.

All’inizio degli anni 2010 c’erano i fatti quando Mikoli giocava a Palermo. È stato accusato di aver assunto qualcuno per addebitare una grossa somma di denaro al proprietario di una discoteca per conto di un membro del club.

La Gazzetta Tello Sport e Republica hanno riferito che il giocatore ha iniziato a scontare la pena nel carcere di Rovico (Veneto) mercoledì, senza condanne alternative.

“Sono un calciatore, non sono un mafioso, sono contro le idee della mafia”, ha assicurato Malka in lacrime a Mikoli durante una conferenza stampa nel 2013 che la Gazzetta Dello Sport ha ritrasmesso le immagini mercoledì.

Il caso di Fabrizio McCauley ha spiegato il lavoro della Commissione parlamentare antimafia nel dicembre 2017, che ha condannato la generale e la sempre profonda “osmosi” tra mafia e mondo del calcio.

READ  Maria Vitoria Longi, direttrice dell'Istituto Italiano di Cultura, ha dichiarato a La Press: "Come trasformare una crisi in un'opportunità?"

Citando l’esempio di Mikoli, i parlamentari erano particolarmente interessati alla particolare amicizia tra i soldati e la mafia.

Ad eccezione del Palermo, è diventato l’epitome di Diffusi, giocando in una stagione al Mikoli Juventus Torino (2003-2004). Ha vestito i colori di Perugia e Fiorentina, collezionando più di 250 partite di Serie A (segnando 103 gol). Si è ritirato dal gioco alla fine del 2015.