Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tre anni di carcere per il marito di Amal, una ragazza

Patrick Antonelli, ex direttore di un’autoscuola e compagno della cantante Amal Bint, è stato condannato, nel giugno 2020, dal Tribunale penale di Nanterre a quattro anni, di cui due sospesi, oltre a una multa di 100.000 euro. Una pena detentiva di tre anni, di cui due sospesi e una multa di 40.000 euro, è stata inflitta a Rabia Ben Rais, ex funzionario dell’Alta Prefettura della Senna che non ha impugnato tale decisione.

Giovedì Patrick Antonelli è stato condannato per traffico di patenti da ottobre 2013 a gennaio 2015 e condannato a tre anni di reclusione, due dei quali sospesi: l’indagine ha portato a un aggiornamento sul rilascio di 258 permessi falsi, alcuni dei quali ha aveva Le celebrità ne hanno beneficiato. Il giornalista Ali Badou e i calciatori Jeremy Menez e Levin Kurzawa hanno portato questo problema all’attenzione dei media.

Truffa da 400.000€

Bandito da una carriera commerciale e industriale, Patrick Antonelli ha consegnato a Rabia Ben Rice i file fraudolenti dei clienti della sua scuola guida e si è impegnato ad apportare modifiche al fascicolo della patente di guida nazionale per sbloccare il loro diritto alla carta rosa. In questo schema la patente costa generalmente 8.000 euro e la Procura di Nanterre ha individuato la truffa “con un importo complessivo di 400.000 euro”, “almeno”.

In primo luogo, gli imputati hanno ammesso il superamento, ma il processo non ha consentito di determinare il numero esatto dei mandati fraudolenti emessi, le modalità con cui il sistema o il relativo premio è stato avviato. Io, Thomas Limarie, uno degli avvocati del Sig. Antonelli, non ho voluto rispondere all’esito dell’udienza. Inoltre, la Corte d’Appello di Versailles ha assolto un ex funzionario della contea, sospettato di gestire il regime di frode, dopo che la signora Ben Rice ha lasciato la contea nell’aprile 2014.

READ  Twitter réagit et Christophe Beaugrand monte au creneau

(Principale/AFP)