Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tom Gendy è stato il primo a salvare le vittime “È un dramma enorme”.


Il tragico incidente è avvenuto domenica, intorno alle 16:45, nei pressi di un passaggio pedonale a Genk. Il motociclista e il suo passeggero si sono scontrati con un ciclista. Il motociclista e il passeggero sono morti sul colpo, mentre il motociclista è rimasto gravemente ferito.

L’autista 40enne è di Lanaken. Il ciclista proveniva da Genk e aveva 85 anni. Entrambi sono morti sul posto.

L’ufficio del procuratore del Limburgo è stato informato ed è stato nominato un esperto per determinare le circostanze esatte dell’incidente.

Mentre le circostanze esatte sono ancora sconosciute, quello che è certo è che i servizi di emergenza sono arrivati ​​molto rapidamente sul luogo della tragedia. Uno dei primi a venire in aiuto delle vittime fu il soldato Tom Vermosen. “Avevo solo una macchina davanti a me quando è avvenuto l’incidente”, ha testimoniato nelle colonne della Gazette van Antwerp.

“Mi sono immediatamente fatto da parte per vedere se potevo aiutare. Diverse persone si sono fermate e sono scese, ma non hanno osato dirigersi verso le vittime”, spiega anche Tom. “È arrivata un’altra macchina. La donna al volante ha urlato e non sopportava di vedere queste vittime”.

Il soldato è subito corso verso la vittima più vicina, un ciclista. “Ho subito portato con me un laccio emostatico nel caso fosse necessario sistemare qualcosa. Il motociclista ha smesso di muoversi ed era evidentemente in gravi condizioni. Non riuscivo più a sentire il suo battito. Poi mi sono concentrato sulle altre vittime. Purtroppo ho capito presto con il motociclista che mi ha aiutato Non avrebbe importanza in quel momento”, dice Tom.

READ  Dries de Bondt ha realizzato il suo sogno: "Volevo essere un campione del Belgio e vincere una tappa del Giro, è finita"

Poi si concentrò sull’unica vittima ancora in vita, la signora nella parte posteriore della motocicletta. “La mia preoccupazione principale era che non fosse svenuta. Quindi ho continuato a parlargli fino all’arrivo dei primi soccorritori. Mentre stavano facendo il lavoro al pronto soccorso, ho tenuto la sua testa ferma. Sono uscita solo quando era nelle mani dei soccorritori completamente”, dice il soldato. Poi è andato a sciacquare vicino a un camion dei pompieri. Ero coperto di sangue. Spero solo che la signora ce la faccia. Ma è davvero un dramma enorme”, conclude il soldato e il padre.