Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tassi elevati di malattie sessualmente trasmissibili, secondo l’Organizzazione francese della sanità pubblica

Tassi elevati di malattie sessualmente trasmissibili, secondo l’Organizzazione francese della sanità pubblica

È una mutazione che allerta le autorità sanitarie. Dopo vent’anni di declino, i tassi di infezioni batteriche sessualmente trasmissibili hanno ripreso a salire dall’inizio degli anni 2000, con un aumento significativo tra il 2022 e il 2023, secondo i dati forniti dall’Autorità sanitaria pubblica francese il 12 dicembre. L’agenzia nazionale di sanità pubblica si è affidata al lavoro dei ricercatori della Sorbona, dell’Inserm e dell’Istituto di epidemiologia Pierre-Louis, sulla base del feedback della rete Sentinelles, che ha riunito medici generici volontari che hanno segnalato settimanalmente casi di infezione confermati biologicamente.

Tre agenti infettivi sono quindi al centro dell’attenzione: clamidia, gonorrea e sifilide. Pertanto, i tre tipi di malattie sessualmente trasmissibili associate sono aumentati, tra il 2020 e il 2022, del 16% per la prima (102 casi su 100.000 persone), del 91% per la seconda (44 casi su 100.000 persone), e per la sifilide, i numeri sono saliti, mostrando un vero e proprio balzo, con un incremento del 110% (21 casi su 100.000).

Diminuzione della vigilanza durante il rapporto

Come spieghiamo questo aumento? Si tratterà di un fenomeno comune nei paesi occidentali e riguarderà soprattutto gli uomini, secondo le autorità sanitarie, che attribuiscono la colpa al calo della vigilanza, caratterizzato da una diminuzione della protezione durante i rapporti sessuali, soprattutto con il preservativo.

Tuttavia, queste infezioni, lungi dall’essere innocue, possono avere gravi conseguenze, come sottolinea l’SPF, in particolare a causa della loro frequenza e suscettibilità alla trasmissione ai partner, ma anche al feto per le donne incinte, “Un grave problema di sanità pubblica”. Dolore pelvico cronico, infezioni degli organi riproduttivi superiori, infertilità, cancro, ecc. sono solo alcuni dei tanti rischi a cui sono esposte le persone colpite. Di fronte a questo aumento, considerato molto preoccupante, la Francia si rivolge all’Organizzazione della sanità pubblica Continuare gli sforzi per lo screening congiunto di tutte le infezioni sessualmente trasmissibili (HIV, IST batteriche, epatite B e C) nei pazienti e nei loro partner, al fine di avviare rapidamente il trattamento e interrompere le catene di trasmissione..