Settembre 25, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stiamo attraversando un’enorme bolla di gas sulla cui superficie si stanno formando le stelle

Il nostro sistema solare naviga attraverso una regione dello spazio particolarmente vuota. Circondato da una bolla locale, come la chiamano gli astronomi. E oggi ci raccontano come si è formata questa bolla. Dopo l’esplosione di diverse supernove.

Per decenni, lo è stato Scienziati di astronomia Sappiamo che esiste intorno al nostro sistema solare, come una bolla gigante. un ‘bolla locale’ che misura ancora circa 1000 anni luce di diametro. Oggi, alcuni ricercatori dall’Università di Harvard e STScI (Istituto di scienze del telescopio spaziale) Segnala trova tutto Le stelle più giovani intorno a noi Situato esattamente sulla superficie di questa bolla. Tutte stelle più giovani, ma anche molte e poche regioni di formazione stellare nuvole Le molecole – queste sono regioni dense in cui le stelle possono formarsi con successo – sono ben note. Con queste osservazioni, questi astronomi ci raccontano la storia di questa strana bolla.

Tutto ebbe inizio circa 14,5 milioni di anni fa. Con uno stadio di formazione stellare piuttosto intenso. poi con un allungamentoEsplosione in una supernova Di quindici mega stelle. Una serie di eruzioni che hanno cominciato a spingere Gas Tra le stelle e la polvere all’esterno. Ci lascia in una zona a bassa densità. Dà anche origine a una struttura a bolle, la cui superficie ha le caratteristiche adatte alla formazione stellare.

Secondo gli astronomi, questa bolla locale è ancora in espansione oggi. per uno Velocità 6,5 chilometri al secondo. Equivale a 23.400 chilometri orari. Alta velocità sulla nostra scala. Ma parlando di un fenomeno astronomico, i ricercatori ritengono che abbiamo una bolla locale “perso il pugno”. E praticamente raggiunto un plateau.

Altre bolle nella Via Lattea?

Per riscrivere la storia di questa incredibile bolla, gli astronomi si sono affidati a numerosi strumenti. Forme Supernova, A partire dal movimenti Eccellente – secondo i dati di Missione spaziale europea Gaia – o anche mappe 3D di Tema Che circonda esattamente la nostra bolla locale.

READ  Test: La caduta di Babilonia - Anacronique

I ricercatori sottolineano che si tratta di una felice coincidenza Soleil Ora più o meno al centro di questa bolla. Il risultato del suo viaggio via Lattea. L’ha portata lì circa 5 milioni di anni fa. Prova, secondo gli astronomi, che questo tipo di struttura deve essere trovata altrove nel nostro Paese galassia. Perché se tali bolle giganti sono rare, è statisticamente improbabile che ci ritroveremo al centro di una di esse.

per noi via Lattea Quindi assomiglierà un po’ al formaggio con i buchi. Buche – bolle – scavate da stelle morenti e supernove e ai bordi di esse si possono osservare stelle nascenti. Ora resta solo ai ricercatori la mappatura di alcune di queste bolle. Per determinare la sua forma, dimensione e posizione. E perché no, il modo in cui interagiscono. Un nuovo modo per comprendere il ruolo che le stelle a fine vita svolgono nella formazione stellare, ma anche nell’evoluzione delle galassie.

Chi ha creato la bolla locale, dov’è il sole? Supernove…

È stato evidenziato negli anni ’70 che la bolla locale all’interno della quale si muovono attualmente il nostro sole e i nostri pianeti potrebbe essere stata formata dalla successiva esplosione di più supernove, fuoco Dai fuochi d’artificio cosmici avvenuti circa 10 milioni di anni fa. Tuttavia, c’è un’altra possibile spiegazione: una commissione di cambio vento solare Con gas neutri del mezzo interstellare. Per decidere tra di loro, un team di ricercatori ha sviluppato uno strumento specifico. Il risultato: rafforzare l’ipotesi della supernova.

Articolo da Saverio Demersmann Inserito il 09/09/2014

Come accennato di recente, secondo uno studio che ha fatto la prima pagina di temperare la naturaLa nostra galassia, la Via Lattea, in cui viviamo, appartiene a a subcontinente La galassia che è stata nominata dai suoi scopritori Laniakia (“Orizzonti celesti colossali” in lingua hawaiana). Troppo per un disegno su larga scala. In proporzioni più modeste, il nostro Sole si sta attualmente evolvendo all’interno di uno dei suoi lobi astrofisici Fa appello fin dai riflettori negli anni ’70 e ’80 sulla “bolla domestica”.

READ  Ezviz BC1C 2K + Test: telecamera di sicurezza wireless per esterni con un buon rapporto qualità-prezzo

Con una lunghezza stimata di 300 anni luce, la sua forma ricorda quella di un a Arachidi o una clessidra. La sua densità è molto bassa (0,001 atomi per centimetro cubo) e la temperatura dei gas è particolarmente elevata in tutte le direzioni, come dimostrano le prime osservazioni ai raggi X.

Un gran numero di supernove

Per spiegare queste cavità in mezzo interstellare, lo scenario principale proposto è una serie di supernove. Ricordiamo che tali esplosioni di stelle dalla potenza sorprendente (l’energia diffusa può superare quella sviluppata dal Sole per qualche milione di anni) non sono rare nella Via Lattea. Gli astronomi stimano che nella nostra galassia, in media, ci sia una galassia ogni cinquant’anni. Se molti di noi sono fuggiti (risalente al 1604, la supernova Kepler è stata l’ultima supernova osservata nella nostra galassia), è principalmente perché le stelle e la polvere sono oscurate dal disco galattico.

Tuttavia, 10 milioni di anni fa nella nostra regione era completamente diverso. In effetti, molti degli enormi membri dell’ammasso stellare sembravano scoppiare come popcorn, lasciando dietro di sé enormi bolle residue che continuano ad espandersi anche oggi! Questo dovrebbe avvenire a una distanza ragionevole dal suolo, perché noi biosfera Non sembra che abbia sperimentato potenziali onde d’urto e non si è mostrato stigma per questo periodo.

Sembra che una supernova abbia creato la bolla

L’ipotesi di una bolla locale scavata dall’esplosione di stelle non è unanime nella comunità scientifica. Scott Porter, uno degli autori dell’articolo pubblicato quest’estate su temperare la natura (edizione del 27 luglio 2014), “Negli ultimi dieci anni, i ricercatori hanno sfidato l’interpretazione delle supernove, proponendo che la maggior parte, se non tutti, di questi raggi X morbidi sono il risultato di scambi di cariche”.. Scambio di merci? Per loro si tratta di onde di particelle caricate elettricamente emesse dalla nostra stella ( vento solare) sulle coste del gas neutro, perché i bagliori osservati nella gamma dei raggi X producono lo stesso effetto degli antichi resti di supernova.

READ  Ora ne abbiamo la certezza, le componenti di base della vita erano sulla sua superficie

Inoltre, per decidere sulle due proposte e fare luce su questo argomento, il ricercatore ha collaborato con Massimiliano Galeazzi (Università di Miami) e il suo team per sviluppare un rilevatore sensibile per questo argomento. lunghezza d’onda, in grado di distinguere tra le due firme. Il nome del bambino è stato rilasciato ad un’altitudine di circa 275 km il 12 dicembre 2012 DXL (Emissione di raggi X diffusi dalla galassia locale) trascorse solo cinque minuti nello spazio prima di tornare sulla Terra, carico di dati preziosi sullo scambio di cariche nel Sistema Solare. Infine, dopo diversi mesi di ricerca, risulta che circa il 40% è di origine solare. Quindi le supernove antiche sarebbero responsabili di tutto il resto.

“Questa è una scoperta importante”. Il professor Gleazzi conclude, perché tocca “La nostra comprensione della regione vicino al Sole può quindi essere utilizzata come base per futuri modelli della struttura della nostra galassia”.. In combinazione con nuovi calibri, il DXL dovrebbe fare il suo prossimo salto nello spazio a dicembre 2015.

Interessato a quello che hai appena letto?